28 febbraio 2011

Gel detergente viso "Pelle di Pesca"

Un gel viso semplice, delicato e piacevole sul viso e non troppo liquido (in pratica, non scivola fra le dita quando si preleva). Lo trovo adatto alle pelli un po' delicatine come la mia: sensibile e che si secca facilmente dopo la detersione pur non utilizzando detergenti troppo aggressivi (Avete presente la sensazione di pelle che tira? Ecco, proprio quella).
Vi metto subito la ricetta anche perché non c'è molto altro da dire... 


Gel detergente "Pelle di Pesca"

SAL 8%

Fase A
Acqua a 100
Glicerina 5
Sale 0,5
Estratto aromatico di Pesca 10 gocce

Fase B
Sodium Lauroyl Sarcosinate 5
Lauryl Glucoside 10
Coco Glucoside (and) Glyceryl Oleate (Lamesoft PO) 1
Phenonip 0.5

Fase C
Cocamidopropyl Betaine 5
Colorante alimentare liquido



Procedimento:
Per il procedimento pratico vedete qui.
Con l'accorgimento di aggiungere la Betaina per ultima, per rendere il detergente più denso.


La consistenza appena fatto.
Ingredienti:
Qui trovate le descrizioni dei tensioattivi a me conosciuti :)
Piccola nota: il famoso Sodium lauroyl Sarcosinate (nomi commerciali: Maprosyl o Sarcocid 30) è venduto anche sull sito Dadalindo ad un prezzo interessante.
Sale: ho provato ad aggiungerne perché non si sa mai che contribuisca ad addensare... (tutto fa brodo, diciamo).
 Estratto aromatico di Pesca: acquistato su Aroma-Zone, lo adoroooo! Bastano poche gocce e il detergente diventa "profumosissimo" ed è un vero piacere dei sensi lavarsi il viso con questo profumo di pesca... non potete capire! Non tutti gli estratti di AZ sono così spettacolari ma questo merita veramente.

Impressioni:
E' molto piacevole, e - come dire - "morbido" e setoso e penso grazie al Lauryl Glucoside; inoltre non mi secca il viso - cosa che mi capita spesso con altri detergenti. Si sposa bene con questo gel idratante per il viso (d'altronde portano lo stesso nome!).
E... mmm.... ehm... che ha un profumo magnifico l'ho detto...??? ;-)
Come vedete dalla foto però, il colore è un "attimino" fluorescente e mal si sposa con l'idea della pesca - delicata e setosa - ma che ci volete fare, sono scivolata con i coloranti... però sorvolo volentieri, il profumo mi fa dimenticare tutto!

Ma voi come siete messe con i detergenti? Li fate in casa o preferite acquistarli?

Fatemi sapere e al prossimo spignatto :)

18 commenti :

  1. Io ancora non li so fare ma mi piacerebbe molto creare i miei propri detergenti, shampoo etc!

    http://natureyourself.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. che bello questo!!! Appena faccio un nuovo ordine prendo questo estratto aromatico!!! Io i detergenti che ho fatto li ho addensati con la xantana (ho quella in casa)...ma non avevo mai pensato di mettere la betaina (l'ho messa solo nello shampoo e balsamo). Al posto del sarcosinate posso usare lo sci?
    Un bacione ^_^

    RispondiElimina
  3. lo so che ti avevo già premiato con un altro award... ma cosa devo fare? sono ripetitiva ma ci sono delle motivazioni! =)

    RispondiElimina
  4. @Dony: la betaina ci va sempre, solo che - non so perché- se la aggiungi alla fine addensa di più il detergente. Lo SCI potresti metterlo, solo che forse sarebbe comodo scioglierlo preventivamente in acqua (se ci si riesce)... le dosi sarebbero ovviamente diverse.

    @Manuki: grazie Manuki! Io sono proprio una disgraziata.... non premio ma nessuno ma ringrazio sempre!!! :D

    RispondiElimina
  5. Ho preso spunto (o possiamo dire spudoratamente scopiazzato =D) da questa tua ricetta e ho fatto il mio primo detergente viso, che bello!
    Non avendo il lauryl glucoside l'ho sostituito con il sodium oliveamphoacetate(ho ancora una scelta molto limitata di tensioattivi), e la consistenza è venuta fuori liquidissima, tipo acqua =( l'ho addensato con la gomma guar, ma non è venuto liscio, ma tipo "granuloso", con dei mucchietti più solidi e parti più liquidine. Se lo frullassi verrebbe un mappone pieno di bolle? Forse con la xantana non avrei avuto questo problema? Scusa il papiro, in ogni caso lava perfettamente ed è bellissimo, grazie per questo blog!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Laura,
    il sodium oliveamphoacetate non addensa affatto - al contrario del Lauryl - perciò è normale che sia venuto liquido... mi dispiace :(
    Per addensare puoi usare la Guar o la Xantana ma vanno aggiunte prima quando prepari la Fase acquosa altrimenti è normale che facciano grumi aggiungendole a prodotto finito... potresti frullare se sei disperata, si riempirà sicuramente di bolle che poi spariscono. Ma c'è sempre il rischio che troppa aria non faccia bene all'emulsione... vedi tu :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Patty,
    ho copiato questo tuo detergente e mi piace molto. E' delicato e non fa tirare la pelle.
    Grazie mille
    Nisi

    RispondiElimina
  8. Grazie Nisi, ti ringrazio per il feedback :)

    RispondiElimina
  9. ciao patty,mi piace molto il tuo blog,vorrei prepararmi il detergente viso pelle di pesca,ma non ho la betaina,posso sostituirlo con cosa,bisogna ricalcolare la sal?ancora non ne sono capace,mi aiuti?grazie se puoi.

    RispondiElimina
  10. Ciao!

    Non hai nessun tipo di betaina? Ti consiglio di acquistarla perché è un po' come il prezzemolo nei detergenti :)
    Se non ce l'hai, non aggiungerla, non mi viene in mente nulla che possa sostituirla "a pieno"... il detergente rimarrà comunque delicato, forse forse ancora meno denso ma farà il suo lavoro :)

    RispondiElimina
  11. Grazie Patty,pensavo ma se è una questione di addensamento,potrei mettere un po di xantana nell acqua distillata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, per l'addensamento puoi gelificare la fase acquosa con la Xantana (allo 0,5%).
      In realtà la betaina è anche schiumogena, magari di schiuma ne farà un po' meno del mio. Ma insomma, il risultato sarà buono lo stesso

      Elimina
  12. Patty bellissimo il tuo detergente!
    Complimenti.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Ciao Patty! Premetto che io ed i tensioattivi non siamo ancora grandi amici.. domenica ho provato a riprodurre questo detergente il risultato da una parte mi soddisfa molto (fa schiuma ma non è troppo aggressivo) ma dall'altra qualcosa è andato storto perché il Lauryl Glucoside si è depositato sul fondo. Per il procedimento ho seguito le indicazioni ma la fase B non mi ha convinto fin da subito.. come si "scioglie" il Lauryl Glucoside? Grazie =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va sciolto al microonde per pochi secondi alla massima temperatura o se preferisci a bagnomaria :)

      Elimina
    2. Grazie mille! Me lo segno per la prossima volta ;)
      Il procedimento non lo specificava vero? Ho cercato anche ora ma non trovo il passaggio in cui lo dice.. °_°

      Elimina

Grazie per il tuo commento, significa molto per il blog :)