12 maggio 2017

Shampoo fai da te sebonormalizzante al Pompelmo

Salveee!!!

Questo post nasce dalla voglia di cambiare e rivedere la formula del mio shampoo per capelli fini che praticamente non cambio da anni (se non la variante di shampoo all'argilla). 
Si tratta sempre di uno shampoo a base di SLES visto che mi ci trovo meglio ma ho cercato di renderlo più specifico per i capelli grassi con qualche attivo scelto ad hoc.

Shampoo fai da te sebonormalizzante al Pompelmo



Acqua a 100%
glicerina 3
Sale 1
SLES 30
Lauryl Glucoside 10
Piroctone Olamine 0,3
Perlante (GC Pearl) 2
Cocamidopropyl betaine 10
Phenonip 0,5
Vegequat 2


Gc Oligo complex 1
Olio essenziale di Pompelmo 10 gocce

pH 6

Come si prepara?

Inserite gli ingredienti nell'ordine indicato in uno stesso becher, ricordandovi come sempre di:  
- scaldare un po' il Lauryl Glucoside che è in pasta, prima di aggiungerlo;
- il Piroctone Olamine ha bisogno di essere mescolato per bene prima di sciogliersi.
Portate infine il pH a 6.



Sulla scelta degli attivi :)


  • Uso Vegequat da anni e mi ci trovo bene con i miei capelli fini e senza volume, ve ne ho parlato nel post dedicato al mio shampoo per capeli fini
  • GC Oligo complex: un attivo seboregolatore a base di oligoelementi utilizzato sia nei prodotti viso che per capelli. Avevo letto di una ragazza che l'aveva utilizzato in uno shampoo sull'Angolo di Lola e ho voluto ispirarmi (al momento non ricordo chi fosse xD),
  • Piroctone Olamine: attivo antiforfora, l'ho usato a bassa percentuale per un'azione magari più blanda per uno shampoo non espressamente antiforfora ma pensato per una cute grassa che ha sempre bisogno di pulizia.




L'ho usato per più di un anno e ho mantenuto la mia media di pulizia dei capelli grassi ogni 3 giorni quindi per me è approvata anche questa variante. 
Inoltre, i capelli non si afflosciano dopo l'utilizzo anche se ho sempre l'abitudine di usare il mio spray volumizzante e credo proprio che la mia chioma abbia subito un po' di stratificazione tra cheratina e proteine idrolizzate a cui non rinuncio mai (Tradotto: a me questo effetto collaterale piace!). 


Direi che questo è tutto su questo shampetto :) 
Scrivetemi qui sotto per domande/suggerimenti/chiarimenti!

Salutoni,

Patrizia

PS In questo momento, ve lo devo dire - se Dio vuole che sia andato tutto bene - sarò già felicemente mamma poiché è stato deciso che il 2 maggio mi fosse programmata l'induzione del parto a causa di una leggera ipertensione :) Se non risponderò in tempi stretti, siate comprensivi ;)

8 maggio 2017

Crema viso primaverile 2017

Salve!

Sono riuscita a spignattare anche la crema viso prima della nascita di mia figlia... yeah!
Durerà qualche tempo e poi so che dovrò darmi agli acquisti ma intanto ho occupato il tempo così :)

Crema viso Primaverile 2017


FASE A
Acqua a 100%
Glicerina 3
Carbopol Ultrez 21
Gomma xantana SF 0,15

FASE B (10% grassi)
Cetiol sensoft 1
Gc Coco Light 1
Cetearyl Isononate 0.5
Ethylhexyl sterarate 0.5
in cui disperdere l'Aristofelx AVC 0,3

Caprylyl Caprylate Caprate 1
Olio di Jojoba 1
Olio di Cacao 1
Olio di Karité 1
Tocoferolo 1
Burro di  Karité 1
Behenyl Alcohol 0,3
Cetyl Ricinoleate 0,2
Glyceryl Stearate Citrate 2,5

FASE C
Sodio Jaluronato a basso peso molecolare 2
GC Skin Calm 3
Telangyn 2
Olio di Germe di Grano 1 (termolabile)
Bisabololo 0,5
Salvacosm 9010 0,5
Fragranza Rice Flower di Gracefruit


pH 6

Preparazione!

Fase A
Iniziate a preparare la fase A: dividete l'acqua in due parti uguali in due becher distinti e pesate i tre gelificanti separatamente (gomma xantana, carbopol Ultrez 21).

Iniziate con il gel di Carbopol Ultrez 21:
- versate il Carbopol a pioggia sopra l'acqua e lasciatelo idratare (precipiterà dopo qualche minuto).

Nel frattempo preparate il gel di xantana:
- pesate la glicerina e versateci sopra la xantana, mescolate per disperderla
- scaldate l'acqua al microonde e versatela a filo sulla xantana continuando a mescolare
- mescolate finché vedrete che si forma un gel piuttosto liquido
- date una frullata per eliminare gli ultimi grumi e mettete da parte.

A questo punto, riprendete in mano il gel di Carbopol e dategli una mescolata, vi risulterà un gel liquido e opaco (perché il gel si forma aggiungendo qualche goccia di soluzione di soda caustica ma noi lo faremo dopo aver emulsionato) e unitelo al gel di xantana, date una frullatina.

Fase B
In un becher pesate l'Aristoflex AVC, aggiungete ad uno ad uno gli esteri sopra indicati (io do una mescolata dopo ogni aggiunta perché ho l'impressione che si disperda meglio la polvere).
In un altro becher pesate il resto della fase B e infine aggiungetevi gli esteri in cui avete disperso il polimero.


L'emulsione!
Mettete a scaldare le due fasi, una volta che la fase B è ben sciolta ed entrambe hanno raggiunto i 70°C, iniziate a versarla nella fase acquosa in 3 volte: versate, frullate, pulite il minipimer con una spatola, date una mescolata veloce a mano con la stessa e ripetete altre 2 volte.
Una volta che il tutto è ben emulsionato, aggiungete due gocce di soluzione di soda caustica e continuate a mescolare a meno con la spatola fino a raffreddamento.

Fase C
Quando il becher è abbastanza freddo (attorno ai 40°C, ma basta sentire che toccandolo questo non scotti più) potete aggiungere la fase C, il conservante e la fragranza. Controllate il Ph e portatelo a 6.
Se volete dare una frullata finale alla crema, fatelo prima di il Telangyn.




Ho usato l'Aristoflex AVC che vende Glamour Cosmetics: è un polimero che non necessita la neutralizzazione con la soluzione di soda caustica ma più che altro a me interessava per capire le differenze con i Carbopol.
Questo è solo il primo utilizzo perciò non posso dare un parere esaustivo ma sicuramente con l'Aristoflex la crema è più lucida e rulla di più sotto le dita mentre la spalmo, lascia un leggero film.
Per me sono ottime qualità, sicuramente devo imparare a bilanciare meglio le dosi Aristoflex/Carbopol/Xantana perché la crema è venuto meno densa di quanto avrei voluto.
In effetti mi sono tenuta bassa con tutti gli addensanti xD
Inoltre, i fattori di consistenza usati (Behenyl Alcohol e Cetyl Ricinoleate) non addensano quanto il cetilico o il cetilstearilico e sono anche meno cerosi, non hanno aiutato granché l'addensamento ma volevo valutare anche il loro utilizzo.
Così ne è uscita fuori una crema che sembra più leggera rispetto alla precedente crema viso primavera, anche se questa è solo un aggiornamento dell'altra.
Magari riuscirò ad utilizzarla fin quando non arriverà il caldo asfissiante? Lo scopriremo :)

Per quanto riguarda gli attivi usati, li ho scelti in base alle mie esigenze di pelle sensibile e con couperose:

  • Il Gc Skin Calm: un attivo lenitivo a base di germe di grano, pantenolo e sodio jaluronato. 
  • Il Telangyn: un tetrapeptide che dovrebbe ridurre i rossori e la dilatazione dei vasi sanguigni visibili in viso. Non che creda nel miracolo ma convivendo da sempre con questo problema, ho voluto acquistare questo attivo.
  • Il Bisabolo: il nostro amico lenitivo di sempre.
Naturalmente potete adattare la fase C alle vostre esigenze. ;)
Se invece come me avete la pelle delicata, sensibile e anche con couperose, potrebbe fare anche al caso vostro il Fluido viso al mirtillo o il siero per pelli miste con couperose/rosacea.

Che ne pensate di questa crema?  Avete già provato l'Aristofelx AVC? Se avete consigli, sono tutta orecchi! 

A presto!

Patrizia


4 maggio 2017

Gel struccante fai da te

Buongiorno a tutti!

Premessa: questo post è programmato, ho scritto in blocco alcuni post e se come penso e spero, potrei essere in altre faccende affaccendata :D quasi sicuramente non potrò rispondere ad eventuali domande... se sono sparita, sono diventata mamma e non ho idea di cosa ne sarà di me! eheh
Conto di tornare appena la mia vita avrà preso un suo ritmo e magari non proprio subito,potrò tornare un po' più attiva... lo scopriremo vivendo :)
O magari sarò ancora qui a raccontarvi dei miei spignatti... pazienza, tanto deciderà lei :)

Lo spignatto di oggi è un gel che si prepara velocemente, è molto basic ma richiede alcuni ingredienti insostituibili che potreste avere in casa se, come me, vi piace sperimentare. A me è piaciuto perché è fresco e leggero, quindi ho pensato di condividerlo lo stesso.

La formula è presa dal libro Le Formule Cosmetiche di Tecniche Nuove, mi incuriosiva e così ho provato.

Struccante in gel fai da te


Acqua a 100%
Idrolato di Geranio 20
Glicerina 1
Pemulen TR2 0,5
Gc Hydro Oil 5
Salvacosm 9010 (conservante) 0,6
Colorante idrosolubile rosso 1 goccia

pH 6

Preparazione

In un becher, pesate l'acqua, la glicerina e l'idrolato di geranio, cominciate a frullare con il minipimer e versate il Pemulen TR2 nel vortice che si viene a creare (cerchiamo di evitare che si attacchi all'elettrodomestico). Si sarà formato un bel gel pieno di bolle.
Aggiungete quindi il GC Hydro Oil e il Salvacosm 9010: il gel diventerà piuttosto blobboso a vedersi , dategli una frullata e l'aspetto migliorerà un pochino (comunque noi lo trasferiremo in una bottiglietta non trasparente e nessuno noterà la cosa).
Infine, aggiungete un goccino di colorante e controllate il pH che deve essere a 6.



Sulla formula

  • Pemulen TR2 (polimero in grado di emulsionare grandi quantità di olio utilizzandolo a piccole percentuali) e Gc Hydro Oil (emulsionante, olio di oliva idrosolubile) non sono sostituibili! Entrambi sono venduti da Glamour Cosmetics.
    Ovviamente non vi consiglio di comprarli esclusivamente per questo spignatto.
    In futuro non escludo di diminuire la percentuale di Pemulen per ottenere un gel meno "effetto blob".
  • Non ho usato fragranza perché l'idrolato (quello di Zenstore, ricordate?) ha profumato il prodotto, in alternativa scegliete l'idrolato che preferite o profumate con una fragranza.
  • La glicerina può essere aumentata e il conservante sostituito.


Questo gel è molto fresco in viso, lo applico con un dischetto di cotone e poi sciacquo il viso.
Trovo che non secchi la pelle e che vada bene per la pulizia solo del viso mentre per gli occhi il più efficace per me resta uno struccante bifasico.

Spero che comunque questo struccante possa essere interessante soprattutto in estate quando si preferiscono dei prodotti più leggeri e freschi :)

A presto!

Patrizia