25 agosto 2016

Maschera viso alla fragola

Salve ragazze! Salvi ragazzi! 

Avete presente le maschere Montagne Jeunesse? Ecco, in questi giorni ho avuto l'idea di ispirarmi a queste maschere sfiziosissime :)
Ormai sapete che amo le maschere viso, potevo non provare a replicare a modo mio questi prodotti?
No, infatti. Perciò ecco qui di seguito la mia maschera viso alla fragola!



Fase A
Acqua a 100%
Glicerina 8
Gomma xantano trasparente (o normale) 0,4

Fase B
Caolino (Argilla bianca) 7
Poliglicerile 10 Laurato 0,5
Olio di Cacao 2
Olio di Karité 4
Olio di Avocado 6
Acido stearico 0,5
Cetyl ricinoleate 0,5
Alcohol Cetilico 0,5

Fase C
Oleolito di Vaniglia 3
Estratto di fragola (GC Fruit Fragola) 5
Sodio Jaluronato alto peso molecolare sol. 1% 5
Phenonip (conservante) 0,5 

Fragranza alla fragola qb
Colorante rosso qb

pH 5

Come si prepara?

In un becher pesate la glicerina, versate sopra la gomma xantana e mescolate per disperderla.
Scaldate l'acqua al microonde e la versate poi a filo sopra la xantana mescolando lentamente per formare il gel. Date una frullata per eliminare eventuali grumi ed aprire bene il polimero. Mettete da parte il becher.
Ora dedicatevi alla fase B!
Pesate il caolino, bagnatelo con il Poliglicerile 10 Laurato. Aggiungete poi gli oli e mescolate dopo ogni aggiunta per stemperare al meglio la polvere, prendetevi del tempo per mescolare bene e non formare grumi. Aggiungete poi l'emulsionante e le cere.
Mettete a scaldare entrambe le fasi, appena raggiunti i fatidici 70° C, è arrivato il momento di emulsionare.
Versate circa un terzo della fase B in A e frullate, pulite il minipimer, versate un altro po', frullate e pulite e infine versate tutto il resto, pulite e frullate.
Mescolate con la vostra spatola dolcemente mentre si raffredda e appena sentite che toccando il becher non vi scottate (dovremmo stare sui 40°C) aggiungete la fase C e date una frullatina. 
Controllate il pH e portatelo a 5. Profumate e colorate di rosa per ottenere una perfetta maschera viso alla fragola ;).

Ingredienti e sostituzioni

GC Fruit FragolaFragaria Vesca Juice (and) Glycerin. Estratto idrosolubile (succo) stabilizzato con la glicerina, lo vende Glamour Cosmetics ed è descritto come tonificante, astringente e vellutante. 
L'ho preso perché mi piaceva l'idea di un estratto di frutta che non fosse tipo quelli di Aroma-Zone che si ossidano alla velocità della luce negli spignatti. 
Questo estratto ha un profumo di fragola un po' aspro, ovviamente più reale delle fragranze, solo che non rendeva la crema golosa e l'ho profumata ;P

Cetyl ricinoleate, acido stearico, alcohol cetilico: se non li avete tutti, potete usarne anche uno solo (immagino avrete più facilmente il cetilico o il cetilstearilico).
In ogni caso, scegliete l'emulsionante che preferite.

Scegliete il conservante che preferite o avete a disposizione così come potete scegliere gli oli a piacimento (anche perché non è necessaria la cascata).

Che ne penso...

Come crema fa abbastanza pena ma come maschera va bene :D :D 
Voglio dire: visto che è viscosizzata solo con la xantana non è una gran bellezza (la prossima volta ci aggiungo il carbomer e cambierà sicuramente faccia) inoltre se la usassi come crema idratante sarebbe molto cerosa. 
Dal momento però che si tratta di una maschera e non va spalmata molto, tutto questo va in secondo piano.
Anzi va bene che la maschera resti in superficie, fa una specie di effetto sauna, la pelle dopo il trattamento (che tengo su massimo 15 minuti) resta morbida, tonica e pulita. 
E comunque il fatto che sia rosa e alla fragola la rende più elegante e "glamour" (ahaha) almeno quando mi vede mio marito non ha commenti carini e simpatici da dedicarmi eheh

Di recente ne ho fatto una versione delicatamente esfoliante aggiungendo, al momento, della polvere di cocco essiccato e non vi dico il profumo...


Certamente lo scrub è davvero minimo, è più un massaggio che secondo me va benissimo per chi ha la pelle sensibile. 

Spero che questa maschera viso vi sia piaciuta, ho già in mente altre maschere della stessa marca a cui ispirarmi e non mancherò di condividere :)
Se avete qualche richiesta, lasciate un commento qui sotto e vedrò cosa posso fare.

A presto!

Patrizia 

22 agosto 2016

Docciachiuma al fruttosio fai da te (aka Sweetness Therapy revival)

Buongiorno :)

Eccomi di ritorno dalla vacanze, pronta e carica per deliziarvi - si spera! - con i miei spignatti.
Torno con qualcosa di semplice, questo infatti è il docciaschiuma che vi avevo mostrato prima delle ferie sulla pagina Facebook, quello che ho preso per fotografarlo per il blog lasciando mio marito senza detergente sotto la doccia ahaha



Non è altro che una rivisitazione del docciaschiuma al fruttosio Sweetness Therapy (spignatto del 2009!) che però viene più denso e ugualmente delicato.

Docciaschiuma Sweetness Therapy revival

Acqua a 100%
Fruttosio 40

SLES 20
Lauryl Glucoside 10
Phenonip (conservante) 0,5

Cocamidopropyl Betaine 10

Perlante qb
Profumazione a scelta
Colorante a scelta

pH 6

Preparazione

Fate sciogliere il fruttosio in un pentolino con l'acqua, una volta che è tutto bello sciolto toglietelo dal fuoco prima che inizi a caramellare :D Versatelo in un becher per farlo raffreddare.
In un altro contenitore pesate lo SLES, aggiungete il Lauryl Glucoside (scaldatelo pochi secondi al microonde per scioglierlo) e il conservante.
Versate a filo e mescolando l'acqua + fruttosio nei tensioattivi fino a che il tutto non sia diventa to omogeneo. Aggiungete quindi la betaina e si addenserà.
Passate ad aggiungere il perlante - io uso il Gc pearl di Glamour Cosmetics - colorate e profumate.
Infine, verificate il pH e portatelo a 6.


Sulla formuletta...

  • Potete sostituire il fruttosio con dello zucchero, verrà un po' meno setoso ma non meno delicato.
  • Va da sé che con lo SLES in formula il detergente sia più denso ma davvero, la formula in generale non rende questo detergente più aggressivo del predecessore.
  • Se non avete il Lauryl Glucoside va bene il Coco Glucoside (il Decyl Glucoside l'ho abbandonato che smonta i detergenti).
  • Questa volta ho aggiunto il conservante: è vero che il fruttosio sequestra l'acqua e la rende indisponibile ai batteri (e infatti non ho mai avuto problemi con l'altro detergente) ma la saggezza acquisita negli anni mi suggerisce che è meglio aggiungerlo ;) 
Ho profumato il detergente con una fragranza alla mora e colorato di rosso, dolce e golosissimo :)
E' cremoso e non produce schiuma eccessiva, sulla pelle è molto piacevole. Ve lo consiglio!

Questa qui sotto è una versione del docciachiuma allo zucchero, al posto del fruttosio e non è affatto male: è un detergente ugualmente delicato e sicuramente più economico. ;)


Come sempre, conto che mi farete sapere se lo avrete spignattato :)

Nel frattempo vi do il bentornato a casa dalle vacanze... :D

A presto!

Patrizia

7 agosto 2016

Olio doccia fai da te

Buongiorno!

Questa è l'ultima formula prima della mia partenza per le vacanze, mi dispiace abbandonare il blog per 10 giorni... no, in realtà non mi dispiace affatto eheh 
Vi lascio comunque questa formula semplice e utile durante le vacanze al mare: si tratta di un olio doccia necessarioper togliere i filtri solari dalla pelle dopo una giornata di sole.
E' sempre meglio eliminare i filtri solari dalla pelle e un normale docciaschiuma non è sufficiente.

Questo spignatto è ispirato all'olio doccia dell'Angolo di Lola.

olio doccia fai da te

Olio doccia fai da te

Olio a 100%
Zetesol 100 35%
(Phenonip 0,5)
(Tocoferolo 2)
Fragranza qb


Come si prepara?

Mescolate gli ingredienti nell'ordine in becher e il gioco è fatto!
Non si misura il pH dato che è un prodotto interamente a base di olio.

Sulla formula

Zetesol 100: Mipa-Laureth Sulfate, Laureth 4, Cocamide DEA.
Lo vende Farmacia Vernile ed è  l'unica miscela di tensioattivi a nostra disposizione per poter preparare un olio doccia. Non è eco certamente ma non esiste un sostituto green perciò dobbiamo accontentarci di questo.
Il conservante non sarebbe necessario, se usate oli vegetali basta un antiossidante come il Tocoferolo.
Se il vostro Zetesol è un po' vecchiotto e si è addensato, funzionerà solo con gli esteri mentre con gli oli vegetali il detergente non verrà fuori più (il perché non ve lo so dire).

La scelta dell'olio: mi è capitato di provare a fare questo detergente con l'olio di girasole e si è separato sempre e inevitabilmente, con gli esteri invece non c'è problema. 
Vi consiglio di seguire le dosi indicate nel forum di Lola (Olio di Riso e Ricino, quest'ultimo per dare un pochina di densità). 
In ogni caso, viene piuttosto liquido; ho provato ad aggiungere della silice per addensare ma non ne vale la pena.

Questo detergente fa poco schiuma ma non è particolarmente delicato nonostante l'alta presenza di oli proprio perché lo Zetesol 100 è un tensioattivo bello tosto che altrimenti non potrebbe incorporare così tanto olio fino a trasparenza.
Perché questo olio doccia deve venire fuori trasparente, se vi viene torbido... si separerà!

olio doccia fai da te

Detto questo, uso l'olio doccia solo nei giorni in cui mi espongo al sole ma mi piace profumarlo con la fragranza Summertime di Glamour Cosmetics che è la mia fragranza preferita per l'estate: fruttata, dolce ed esotica. Consigliatissimaaa!!!
Volendo, si può aggiungere della mica oro per impreziosirlo un po' :) 

Come sempre mi auguro vi sia sembrato un post interessante, scrivetemi pure qui sotto per consigli e domande, io nel frattempo, me ne andrò allegramente in vacanza... cercherò di rispondervi ma non garantisco, di sicuro ci rivediamo dopo il 22 agosto sempre su questi schermi :)

BUONE MERITATE FERIE A TUTTI!
A chi ci è già andato, a chi ci va e chi deve aspettare ancora xD

A presto!

Patrizia


5 agosto 2016

Eau de teint

Salve a tutti! 
Ero indecisa se pubblicare questo post prima o dopo le ferie perché in questi due mesi vi ho bombardato di ricette nuove e non volevo esagerare però in effetti questo spignatto è sicuramente più adatto alla primavera/estate e quindi meritava di essere pubblicato adesso o il prossimo anno! ;D
Oggi vi parlo di come ho cercato di replicare l'Eau de teint della SoBio, naturalmente è una mia interpretazione diciamo.

Eau de teint fai da te


Fase A
Acqua a 100%
Xantana SF 0,1
Glicerina 2
Sodio Jaluronato alto peso molecolare sol. 1% 2

Fase B
Pigmenti (Olive di Kolorowka) 6
Titanio Diossido 6
Lauroyl Lisine (Touche de douceur di Aroma Zone) 2
Caprilico caprico trigliceride 7
Ottildodecanolo 1
Dicaprylyl carbonate 2
Sucrose stearate (Ester de sucre di Aroma Zone) 2
Phenonip (conservante) 0,5
Fragranza Tea Rose di Gracefruit/Zenstore 10 gocce 

Preparazione

Prima di tutto dobbiamo dedicarci a preparare il nostro color carne (a meno che non l'abbiate già pronto) e abbiamo due possibilità:

- lo prepariamo a partire dagli ossidi di ferro nero/blu, rosso e giallo come vi ho raccontato nel post riguardo il fondotinta minerale fai da te;
- utilizziamo una miscela di pigmenti già pronta come ho fatto in questo caso: miscela Olive di Kolorowka

Qualunque sia la vostra scelta, per poter utilizzare i pigmenti per il fondotinta dovrete testarli sulla pelle: dovete creare una miscela, aiutandovi con il titanio diossido.
Direi di partire dal 6% di titanio diossido - che a questa % assicura una coprenza medio/bassa - e aggiungere i pigmenti fino ad ottenere un tono che sia più scuro della vostra pelle per poter poi essere utilizzato nel fondotinta.

Non appena abbiamo pronta la nostra miscela color carne (fatemi sapere se vi serve un post di approfondimento), possiamo passare allo spignatto vero e proprio!

  • Prepariamo la fase A: disperdiamo la xantana nella glicerina, scaldiamo l'acqua al microonde e la versiamo a poco a poco mescolando sopra la gomma xantana per formare il gel. Frulliamo se necessario. Lasciamo raffreddare un po' e aggiungiamo il Sodio Jaluronato.
    Misurate ora il pH e portatelo a 6 se necessario.
  • Lasciando da parte la fase A, dedichiamoci alla fase B!
    Mettiamo in un becher le polveri (compreso l'Ester de sucre), versiamo uno alla volta gli oli per stemperarle al meglio e creare meno grumi possibili (il top sarebbe che non ce ne ci siano).
    Per ultimi aggiungiamo il conservante e la fragranza.
  • Ora che le due fasi sono pronte, possiamo emulsionare.
    Versiamo la fase B nella A in due volte frullando: io ho utilizzato un mini frullatore.


Così il vostro fondotinta eau de teint fai da te è pronto :)
Il colore delle foto qui sopra non è molto veritiero... xD

Sulla formula: ingredienti e sostituzioni

  • Lauroyl Lisine: polvere adesivante che ha un tocco setoso e si sente. Non è essenziale, io ce l'ho e lo uso.
  • Sucrose stearate: ho l'Ester de sucre di Aroma Zone, non mi hai mai fatto impazzire come emulsionante, l'ho scelto appunto perché lo avevo ed era presente nell'inci del fondotinta SoBio.
    Potete provare con un emulsionante a freddo tipo il GC Emulsol O/W.
    Lo scopo in questo prodotto non è tanto avere un prodotto stabile (anche l'originale è bifasico), è mantenere in sospensione le polveri il più possibile dopo averlo agitato.
  • Gomma Xantana SF: ho aggiunto un pizzichino di xantana SF sia perché dà gel leggerissimi (allo 0,1% poi viene fuori un gel praticamente evanescente) per dare un minimo contributo a tenere le polveri e perché comunque risulta idratante. Non ne ho messa di più perché il prodotto deve dare la sensazione di essere praticamente acqua.
  • Fase grassa (Caprilico caprico trigliceride, Dicaprylyl Ether, Ottildodecanolo): ho utilizzato gli stessi del prodotto originale, nulla vi vieta di modificare la scelta.
    Tenete conto che ho riscontrato il Caprilico Caprico Trigliceride è molto bagnante.
    Eviterei gli oli vegetali se non come contorno perché ripeto, il prodotto dev'essere molto leggero e comunque le polveri non  verrebbero stemperate altrettanto bene, a mio avviso.
  • Sodio Jaluronato: per dare un tocco idratante anche se non è certamente questo lo scopo principale di un fondotinta. Si può omettere.


Ecco qui il mio Eau de teint fai da me! )
Ne prelevo qualche goccia, lo applico con le dita, non si può spalmare più di 1 minuto che non essendo a base di siliconi, si asciuga velocemente. Applico sopra la cipria, io preferisco la mia cipria opacizzante
Ha una coprenza medio-bassa, un effetto naturale, uniforma il colorito e la grana della pelle e dura fino a sera. 
Io che non uso sempre i fondotinta (d'estate solo fondotinta minerale) e con il caldo sudo anche molto ahimè, lo utilizzo senza provare fastidio, un traguardo.
Certamente non è adatto a chi ha bisogno di coprenza, va benissimo per chi ha una pelle senza grossi difetti.

Già così come fondotinta mi piace ma in futuro proverò a migliorarlo, ho già qualche idea. :)

Spero vi piacerà questo spignatto, fatemi sapere!

A presto,

Patrizia

2 agosto 2016

Acqua solare fai da te al The Verde (spray rinfrescante da spiaggia)

Bonjour mes amies :)

Ormai siamo ad agosto, è estate piena e la prossima settimana parto per le vacanzeeee!!!
Mi aspettano 10 giorni di mare il cui unico obiettivo sarà rilassarmi e fare niente... fino alla noia! Di solito sono più attiva ma quest'anno va così, ho proprio bisogno di relax.
Dal momento che sono mesi che aspetto questo momento, avete visto che nelle ultime settimane ho praticamente spignattato solo prodotti pensati per l'estate, quest'anno passerò molte ore sotto al sole e ho deciso di stare attenta e prendermi cura della mia pelle come si deve, di solito fatico a mettermi già la crema doposole... io e le creme corpo abbiamo un pessimo rapporto, sono molto pigra soprattutto con il caldo xD
Bando alle ciance, oggi vi propongo la formula della mia Acqua solare fai da te al The Verde, si tratta di uno spray rinfrescante (ma anche idratante e antiossidante) da utilizzare al mare per dare un po' di sollievo. 
Vi avevo già dato qualche consiglio su come preparare uno spray rinfrescante da spiaggia ma oggi vi do la ricetta di un mio spignatto.


Acqua solare rinfrescante fai da te

Acqua a 100
Glicerina 3
Pantenolo 2
Estratto glicolico di The Verde 3

Mentolo 0,2
Alcohol 1
Ecobiosolv (solubilizzante) 1,7
Phenonip 0,5

Fragranza al cocco qb (facoltativa)

pH 5


Come si prepara?

Pesate il mentolo e scioglietelo nell'alcohol, ci vorranno pochi minuti.
A questo punto, aggiungete il Phenonip, la fragranza (se volete aggiungerla) e l'Ecobiosolv per solubilizzare il tutto: mescolate bene fino a che non vedete più alcuna goccia. Pesate quindi l'acqua e aggiungetevi il tutto.
Versate anche l'estratto di The Verde, il Pantenolo e la Glicerina. Correggete il pH è portatelo a 5. 
Il liquido avrà assunto quel bel colore marroncino che correggerete con qualche goccia di colorante blu fino a raggiungere la tonalità di verde che preferite.

Sulla formula

EcobiosolvCaprylyl/Capryl Wheat Bran/Straw Glycosides; Aqua; Fusel Wheat Bran/Straw Glycosides; Polyglyceryl-5 Oleate; Sodium Cocoyl Glutamate; Glyceryl Caprylate
Un solubilizzante verde che io trovo più efficente del solo Poliglicerile 10 Laurato, lo vende Farmacia Vernile.
Potete certamente sostituirlo con il Pge 10 Laurato o il Polisorbate 20 (che non è "green"), valutate voi la quantità più adatta.

Mentolo: va sciolto nell'alcohol e poi va solubilizzato. Se lo aggiungete all'acqua dopo averlo sciolto, finisce che riaffiorerà (non chiedetemi perché lo so xD). 
Sono stata bassa con la dose perché resta pur sempre irritante e sotto al sole la pelle è già messa "alla prova". Se non avete il mentolo, andrà bene l'olio essenziale di Menta.

Estratto glicolico di The Verde: è antiossidante, perfetto in caso di esposizione solare.

Glicerina e Pantenolo sono la quota idratante di questo prodotto. 

Il risultato


Questo spray è anche idratante e antiossidante, moderatamente rinfrescante.
Ovviamente prima dell'utilizzo, va applicata una crema solare waterproof (anche se avete la pelle già abbronzata!).

Spero che la mia formula dell'acqua solare fai da te vi sia piaciuta e vi tornerà utile durante le vostre vacanze :)

A presto!

Patrizia

1 agosto 2016

Il vincitore del giveaway - Estate 2016!

Salve a tutti!!!

Puntuale con un orologio svizzero, ho deciso di darvi subito il risultato del giveaway così andrò in vacanza e mi sarà tolta questo impegno ahah


Scherzi a parte, come sempre ringrazio chi ha partecipato per vincere i prodotti della linea Bio&Te Cosmetics di cui vi ho già parlato nel post dedicato ai premi del giveaway, assieme a qualche bella materia prima per spignattare delle utilissime maschere viso

Magari all'ultimo minuti aggiungerò qualche sorpresina, di solito mi piace improvvisare :)

Spero che anche questa volta vi abbia fatto piacere che abbia organizzato un giveaway e passo subito ad annunciare il vincitore...


La vincitrice è Sofia Sontacchi!
COMPLIMENTI!


Al più presto ti invierò la mail per avere il tuo indirizzo e accordarci sulla spedizione dei prodotti qui sopra :)

Grazie ancora a tutti voi che mi seguite numerosi, vi avviso che prima della mia partenza per le vacanze ho ancora qualche asso nella manica e anche questa settimana troverete il blog aggiornato!

A presto,
Patrizia

29 luglio 2016

Crema gel doposole fai da te alla carota

Buongiorno cari lettori :)

Dopo avervi raccontato dell'olio secco doposole fai da te e lo spray bifasico alla carota, oggi vi mostro la mia crema doposole per questa estate 2016!
La prossima è l'ultima settimana di lavoro e poi sarò pronta ad usarlaaa al mareeee yuppiii
Si tratta di una emulsione e freddo, leggera e che si assorbe in fretta ma lascia la pelle idratata ed è anche piuttosto facile da preparare.
Inoltre questa estate continua la "fissa della carota" (vedi anche lo scrub alla carota), sto mettendo l'estratto dappertutto xD

Crema gel doposole alla carota


Fase A
Acqua a 100
Glicerina 3
Gomma xantano SF 0,1
Carbopol Ultrez 21 0,3
Allantoina 0,5
Estratto glicolico di The verde 1,5
Sodio Jaluronato alto peso molecolare 2

Fase B
Ethylhexyl stearate 0,5
Dicaprylyl ether 0,5
Gc coco light oil (Coconut Alkanes (and) Coco-Caprylate Caprate) 1,5
Caprylyl caprylate caprate 1
Olio di Karité 2,5
Olio di Jojoba 0,5
Burro di Karité 1
Gc Emulsol O/W 4
Estratto c02 di carota 0,5
Bisabololo 0,5
Tocoferolo 1
Phenonip 0,5

Fase C
Nanosomi Multivit Shuttle 1,5
Nano/Liposomi Vit. C 1,5

pH 6 

Come si prepara?

Fase A
Iniziate preparando i due gel di xantana e di carbomer separatamente:
  1. In metà dose di acqua, versate a pioggia il Carbopol Ultrez 21: mettete da parte e lasciate che la polvere si idrati.
  2. Scaldate l'altra metà di acqua al microonde e nel frattempo disperdete la xantana nella glicerina. 
  3. Sciogliete nell'acqua calda l'Allantoina e versate poi sopra la xantana a filo e lentamente, mescolando per formare il gel.
  4. Aggiungete una goccia di soluzione di soda caustica al gel di Carbopol e unitelo al gel di xantana in un'unico becher e date una bella frullata.
  5. Non appena il tutto si è raffreddato, aggiungete l'estratto di The Verde e il Sodio Jaluronato e mettete da parte per dedicarvi alla fase B.
Fase B
Pesate la fase grassa così come indicata, date una scaldatina veloce per sciogliere il burro di karitè :D



L'emulsione!
Si tratta di un'emulsione a freddo quindi non serve scaldare e rispettare le temperature. 
Versate la fase B nella A in tre volte frullando con il minipimer dopo ogni aggiunta, fino alla formazione dell'emulsione.
Aggiungete i Nanosomi Multivit Shuttle e di Vit. C senza frullare più.
Controllate il pH e portatelo a 6 se necessario e profumate.


Sugli ingredienti

  • Gc emulsol O/W: è un autoemulsionante liquido e io l'ho già detto, mi ci trovo benissimo! Dà emulsioni leggere ma idratanti (non di quelle che sembrano acquose e vuotine) ed è facile da utilizzare. Se siete alle prime armi e non sapete che emulsionante a freddo usare, scegliete lui (lo vende Glamour Cosmetics).
  • Gomma Xantana SF: l'ho scelta perché dà gel più leggeri della gomma xantanto normale o trasparente e mi sembrava più adatta per una crema che non volevo affato pesante. Naturalmente se non l'avete, sostituitela.
  • Estratto c02 di carota: sostituibile con l'oleolito di carota o qualsiasi altro tipo di estratto di carota in vostro possesso (questo è più concentrato però). Nel topic dedicato allo spray doposole avevamo già sfatato i miti e le leggende sulla carota come doposole ma ciò non toglie che sia piuttosto utile per la pelle.
  • Ho inserito degli attivi antiossidanti:
    Tocoferolo (Vitamine E)
    L'estratto glicolico di The Verde
    Multivit Shuttle: complesso di nanosomi di Vitamine A, C, santenolo, sorbitolo, glicerina; nasce per i capelli ma noi sappiamo che in quanto materia morta ;D le vitamine fanno niente perciò io lo uso per viso e corpo! Si trova su diversi siti.
    Nano/Liposomi Vit. C: nanosomi/liposomi di SAP (Sodium Ascorbyl Phosfate), in vendita da Vernile o GC.
  • Ed anche attivi lenitivi:
    Bisabololo
    Allantoina

Come vi ho detto questa crema è setosa e leggera, non mi fa sudare ma lascia la pelle morbida, insomma si sente che sta facendo il suo lavoro senza "fare strato". Per me è perfetta per l'estate, periodo in cui sopporto pochissimo le creme corpo. 

Mi sembra proprio di avervi detto tutto gente! Come sempre per domande/consigli, usate i commenti qui sotto ;)

A presto!!

Patrizia

26 luglio 2016

Pasta di Lassar fai da te

Salve a tutti :)

La Pasta di lassar è una pasta a base di ossido di zinco e acido salicilico, utile in caso di irritazioni, dermatiti, acne e io la uso anche contro la follicolite.
L'ho preparata a modo mio visto che la formula originale contiene vaselina e il mio procedimento è diverso da quello indicato dalla farmacopea (che trovate cercando con Google), insomma si tratta di una mia rivisitazione.



Pasta di Lassar fai da me 

Burro di karité 25 g
Olio di Karité 25 g
Ossido di Zinco 25 g
Amido di Riso 24 g
Acido salicilico 1 g

Procedimento

Ho sciolto il burro di karité (al microonde o a bagnomaria come preferite), l'ho lasciato raffreddare un pochino e ho aggiunto l'olio di karité. Ho sciolto l'acido salicilico nell'olio.


Ho poi pesato l'ossido di zinco e l'amido di riso e ho cominciato a versarci sopra il karité a poco a poco, mescolando, per disperdere le polveri ed evitare il più possibile i grumi.


Lasciate infine raffreddare mescolando di tanto in tanto fino a che non si addensa.

Rispetto alla formula originale ho utilizzato un 1% di acido salicilico anziché un 2% perché di più non si scioglie in olio. 
In ogni caso, questo tipo di pasta (così come la Pasta all'acqua) funziona per occlusione più che per assorbimento e va utilizzata perciò solo in caso di bisogno anche perché ho notato che alla lunga tende a seccare.

Spero troverete questo post utile, come sempre lasciate i vostri commenti qui sotto per domande o suggerimenti.

A presto!

Patrizia

PS Vi ricordo il giveaway in corso dove potete vincere dei prodotti bio entro il 31 luglio! :)

21 luglio 2016

Olio protettivo per i capelli fai da te


Salve a tutti!

Mentre è in corso il giveaway (partecipate, mi raccomando!), nel post di oggi vi spiego come preparare un olio protettivo per i capelli da usare al mare per proteggerli dal vento, dall'acqua e dal sale applicandolo prima di andare in spiaggia.
Continuo quindi a proporvi degli spignatti dedicati all'estate e alle vacanze... non so voi ma io non vedo l'ora!!!
L'olio vegetale sui capelli crea uno strato che li rende impermeabili all'acqua (che se assorbita dal capello questo diventa elastico e più soggetto a danneggiamento), li protegge dal sale che notoriamente secca e dal vento che li spettina ;)
Mi sono vagamente ispirata ai prodotti in commercio adattando la formula alle mie esigenze ma non temete, vi darò qualche consiglio anche per i capelli secchi o crespi molto diversi dai miei :)

Olio protettivo per i capelli fai da te

Dicaprylyl ether 50%
Olio di Cocco 25%
Olio di Macadamia 23%
Tocoferolo 2%
Estratto cO2 di carota qualche goccia (per colorare)
Fragranza (io adoro il Monoi in estate)

Come si prepara?

Unite gli ingredienti mescolando. Fatto!!! ;D

Info sugli ingredienti... 

Dicaprylyl ether: ho i capelli grassi quindi non uso leave in a base di oli sui capelli manco morta e preferisco preparare degli impacchi come la mia maschera alla Macadamia piuttosto che usare l'olio puro.
Per questo motivo volendo utilizzare un olio sui capelli durante i giorni al mare, ho unito un estere molto leggero agli oli vegetali, per alleggerire la miscela e lavarla via più facilmente dai capelli ed evitare che poi si appesantiscano.
Se avete i capelli normali o secchi, potete usare direttamente l'olio vegetale (io voto olio di cocco!).

Tocoferolo: ho aggiunto il Tocoferolo per proteggere maggiormente gli oli dall'ossidazione viste anche le alte temperature.

L'estratto di carota ha unicamente lo scopo di colorare l'olio di arancione (mi sembrava un colore più estivo) e quindi potete ometterlo se non lo avete.

...e consigli per proteggere i capelli al mare!

Che olio vegetale scegliere per il mio spray capelli protettivo?

Innanzitutto, vi invito a leggere un interessantissimo articolo per capire l'utilità degli oli vegetali sui capelli --> Oli vegetali nei capelli e come scegliergli in base alle vostre esigenze. 
In linea di massima a me piace il buon vecchio olio di cocco (o anche l'olio di Monoi già profumato!) che penetra molto bene nel capello rendendolo impermeabile all'umidità sul lungo periodo e con un uso costante.
Anche se probabilmente la scelta migliore è una una miscela di oli calibrata in base alle nostre esigenze (al link indicato troverete molti chiarimenti utili).

Come utilizzare l'olio sui capelli?

L'effetto benefico in ogni caso si ottiene con un utilizzo costante, possiamo iniziare a fare degli impacchi ben prima della vacanze  ;)
Inoltre, può avere senso applicarlo sui capelli umidi sia per far sì che l'olio risulti meno appiccicoso sia per fare in modo che scorra meglio sul capello (poi l'acqua evapora).

Che fare per proteggersi dal sole?

Nonostante vi siano in vendita degli oli contenenti filtri solari, sono convinta che il modo migliore per proteggere i capelli dal sole sia coprire la testa con un cappello :)


Spero che il mio olio protettivo per capelli vi sia piaciuto e che questo post vi sia stato utile, ero partita per scrivere un post veloce e poi mi sono persa in vari discorsi... spero interessanti per voi! :D

A presto e buon spignatto!

Patrizia 

18 luglio 2016

Giveaway della Patty - Estate 2016

Eccoci qui!

Nel post precedente vi ho mostrato i premi e finalmente è arrivato il momento di provare ad accaparrarseli! 


Come partecipare al giveaway?


a Rafflecopter giveaway

1) Usando il widget qui sopra di Rafflecopterè sufficiente seguire le istruzioni e le condizioni per partecipare sono solo due:

- Se non lo avete già fatto, mettete "mi piace" alla mia pagina Facebook,
- Lasciare un commento sotto a questo post confermandomi la partecipazione.

2) Mi raccomando, ricordate di fare quanto richiesto usando Rafflecopter qui sopra e seguite passo passo (e non indicare che avete proceduto senza averlo realmente fatto perché vi sgamo ahah) altrimenti la vostra partecipazione verrà annullata.
Sono solo due cose, ce la possiamo fare :)

EDIT: Forse non è chiaro e me ne scuso, il commento in cui mi confermate la partecipazione va direttamente sotto a questo post mentre su Rafflecopter mi dovete scrivere il nick con cui mi avete lasciato il commento e la mail per ricontattarvi.
Siccome ho visto che più di qualcuno ha commentato su Rafflecopter ma non qui sotto, temo di non essere stata chiara io e quindi vanno bene entrambe le modalità.

Resta il fatto che bisogna obbligatoriamente effettuare entrambe le operazioni (Facebook e commento) ;) 

3) Il giveaway ha inizio oggi 18/07/2016 e si concluderà il 31/07/2016.

4) Entro qualche giorno annuncerò il vincitore che contatterò via mail, non ricevendo risposta, provvederò ad effettuare una nuova estrazione.

5) Avendo avuto questa brillante idea del giveaway a ridosso delle ferie (mie e vostre), è molto probabile che il pacchetto verrà spedito dopo il 22 agosto.

6) Valgono solo i commenti lasciati sotto a questo post (No Facebook).

Se avete altre domande, scrivetemi qui sotto.
A questo punto dateci sotto!!! E se avete piacere condividete questo post sui social network così da diffondere la voce :)

A presto e che vinca il più fortunato!!!

Patrizia

15 luglio 2016

Giveaway della Patty: i premi!

Salve ragazziiii!!!

Eccomi con uno dei vostri post preferiti... chi non ama i giveaway??
In questo post vi presenterò intanto i premi: questa volta non è proprio un giveaway completamente sullo spignatto ma spero non rimarrete delusi! 
Questi prodotti mi sono stati spediti da Cira di Bio&Te Cosmetics che pian piano sta realizzando il suo sogno di creare una linea di cosmetici propria.
Sapete che io non parlo di cosmetici in vendita nel mio blog (né mai lo farò visto che il web è pieno di ragazze che recensiscono cosmetici!) ma questa volta non ho potuto resistere dall'accettare la sua proposta, ho apprezzato il fatto che stia cercando di avviare la propria linea e abbia pensato di proporli a me proprio per un giveaway. 


Al momento sul suo e-commerce troverete i suoi prodotti per i capelli, io ho provato e sto usando lo shampoo purificante.
Devo dire che io con gli shampoo ecobio non mi sono mai trovata bene (e come il mio shampoo fai da te non ce n'è :D ) ma ammetto che sono rimasta piacevolmente sorpresa perché dopo il lavaggio, i capelli non mi rimangono piatti ma voluminosi ma soprattutto rimangono puliti 2 giorni pieni (cosa che con gli shampoo ecobio non mi era mai riuscita!).
Partivo molto scettica e invece dopo un mesetto di utilizzo ho dovuto ricredermi.


Questo shampoo ha un profumo balsamico di menta e rosmarino, si può diluire (io non lo faccio che non ne sento il bisogno) ma non è particolarmente condizionante - come tutti gli shampoo ecobio - e va abbinato alla maschera nutriente che in realtà non ho provato perché ho deciso di lasciarla a voi per il giveaway ma sono quasi convinta che sarà molto buona, viste le premesse...
Andando sul sito di Bio&Te troverete tutti gli altri prodotti disponibili (lo shampoo ristrutturante, i cristalli liquidi bio, ecc)
Spero quindi che vorrete dare una chance ai prodotti Bio&Te partecipando a questo giveaway :)


Naturalmente non volevo fermarmi qui ed ho aggiunto qualche altro prodotto che mi aveva spedito Zenstore e che avevo messo da parte proprio per regalarli per un futuro giveaway :)
Conoscete la mia passione per le maschere viso perciò ho voluto condividere qualche ingrediente utile per realizzarle in casa.

Nel pacchetto troverete anche:

La polvere di rosa HESH: quando ce l'ho, la uso moltissimo nelle mie maschere viso come ad esempio la maschera Amla e Rosa o la maschera Rosa e Lampone;

L'acqua di Calendula: un idrolato lenitivo perfetto per i tonici o le maschere viso (questa più volte ho pensato di tenermela invece di darla via... ma ho resistito);

L'argilla verde: niente di meglio per una maschera viso purificante;

Olio essenziale di caffé: un prodotto più unico che raro, molto carino per un profumo che dà la sveglia eheh


Rispetto al precedente giveaway, questo è più piccolino ma mi auguro vorrete partecipare lo stesso dato che non vi costa nulla e ricevere dei prodotti aggratis è sempre una bella opportunità!

Dopo aver visto i premi, tenetevi pronti che da lunedì si parteeee!
Pubblicherò il post con le istruzioni utili e poi potete dare il via alle danze :)
Nel frattempo se avete commenti o domande sui premi, lasciate un commentino qui sotto.

A presto,

Patrizia

12 luglio 2016

Scrub corpo alla carota fai da te

Buongiorno!

Siamo finalmente in estate piena e possiamo darci sotto con gli spignatti estivi! 
Quest'anno mi sono un po' fissata con l'estratto di Carota che fa molto estate (appunto) con il quale ho preparato anche uno scrub per il corpo alla carota.



Scrub corpo alla carota fai da te

Olio vegetale a scelta
Estratto c02 di carota mezzo cucchiaino (oppure oleolito alla carota)
Sale rosa dell'Himalaya (o sale fino)
Oe di Bergamotto-Pompelmo-Limone 20 gocce totali


Come si prepara?

Preparare questo scrub corpo fai da te alla carota è molto semplice:
in una ciotola mettete qualche cucchiaio di sale, aggiungete l'olio fino a raggiungere la consistenza che preferite. Aggiungetel'estratto di carota che colorerà il vostro scrub e per ultimi gli oli essenziali.

Sugli ingredienti

L'Estratto c02 di carota: è un estratto molto concentrato di cui ve ne ho già parlato QUI.
Lo vende Aroma-Zone, mezzo cucchiaino colora moltissimo.
Se avete l'oleolito di carota va benissimo, dovrete aumentare la quantità (e potete prepararlo in casa, cercando con Google troverete mille ricette!).

Oe di Bergamotto-Pompelmo-Limone: sono oe fototossici (ve ne parlo QUI) li ho scelti perché ho una passione per gli agrumi ma anche perché lo scrub è un prodotto a risciacquo e quindi gli oli essenziali non restano sulla pelle.


Passate lo scrub dopo la detersione con dei leggeri movimenti circolari, fate attenzione che il sale brucia in caso di tagli e comunque non andateci giù pesante perché potrebbe graffiare soprattutto se avete la pelle delicata come la sottoscritta.

Se vi interessano altri prodotti a base di estratto di carota, trovate:

L'olio doposole fai da te "Oro liquido": un olio secco nutriente e lenitivo che illumina la pelle

Spero che questo spignatto vi sia piaciuto, presto arriveranno altri consigli per la mia adorata estate :)
Come sempre, usate i commenti per contattarmi!

A presto!

Patrizia

30 giugno 2016

Gloss azzurro fai da te

Salve ragazze!

Il gloss azzurro è solitamente utilizzato per dare un effetto ottico di denti più bianchi. In generale anche con quelli comprati, non ho mai riscontrato miracoli ma un aiuto per far sembrare di avere i denti un pochino più splendenti.
Oggi vi racconto come ho preparato il mio gloss azzurro fai da te

Gloss azzurro fai da te

Olio di Ricino 8,3
Makigl (Silica Dimethyl Silylate) 0,4
Cera Carnauba 0,2
Olio di Macadamia 0,5
Triisosterarina 0,5
Tocoferolo 0,05
Mica Bleu Profond (Aroma-Zone) 0,02 (una punta di cucciaino)
Aroma cosmetico q.b. 

Procedimento

Pesate la mica, versateci sopra il Tocoferolo e cominciate a disperderla mescolando. Aggiungete poi il ricino e mescolate fino a disperderla del tutto.

 

Aggiungete poi il resto tranne il Makigel e l'aroma.


Fate sciogliere a bagnomaria il tutto finché la cera carnauba non sarà ben sciolta, fate raffreddare un pochino, aggiungete l'aroma - io ho scelto l'aroma al cocco - e il Makigel: il composto si addenserà e il vostro gloss sarà pronto! 


Ingredienti e Sostituzioni


  • Il Makigel è la chiave di questo prodotto, è una silice modificata per gelificare gli oli in modo stabile. La trovate su Glamour Cosmetics. 
    Potete sostituirla con la silice (tipo aerosil), probabile che il gel risulti meno stabile nel tempo.
  • La Triisostearina è un trigliceride (un tipo di estere) che dà lucidità al gloss, adesività e un tocco setoso. Potrebbe trovare un sostituto nel Miroir de Sucre che però dà soprattutto lucidità e a una quantità un pochino più bassa dato che quest'ultimo è denso e la triisostearina è liquida.
  • Se non avete l'olio di Macadamia, scegliete un altro olio (non troppo leggero) o utilizzate tutto olio di ricino.
  • Mica bleu profond: potete provare ad ottenere l'azzurro con l'ultramarino blu assieme a della mica bianca brillante.


Che ve ne pare del mio gloss azzurro fai da te? Le bolle poi spariscono con il tempo :)
Devo dire che questo gloss è molto lucido, confortevole e dall'aspetto "gelloso", simile a certi in commercio ma non dà quell'effetto "vinile" sulle labbra, resta pur sempre un prodotto naturale. Naturalmente si può declinare in mille colori diversi! 
Non servirà dirlo ma lo faccio lo stesso: le labbra non vengono fuori azzurre ma assumono un colore più freddo e l'effetto ottico illumina il sorriso.


Spero che la formula di oggi vi sia piaciuta, io mi sono divertita molto a prepararla :) 
Se cercate altre ricette di gloss diverse e magari coprenti, li trovate qui.
Come sempre, se avete domande usate i commenti e farò il possibile per rispondervi in tempi brevi. 

A presto,
Patrizia