21 luglio 2016

Olio protettivo per i capelli fai da te


Salve a tutti!

Mentre è in corso il giveaway (partecipate, mi raccomando!), nel post di oggi vi spiego come preparare un olio protettivo per i capelli da usare al mare per proteggerli dal vento, dall'acqua e dal sale applicandolo prima di andare in spiaggia.
Continuo quindi a proporvi degli spignatti dedicati all'estate e alle vacanze... non so voi ma io non vedo l'ora!!!
L'olio vegetale sui capelli crea uno strato che li rende impermeabili all'acqua (che se assorbita dal capello questo diventa elastico e più soggetto a danneggiamento), li protegge dal sale che notoriamente secca e dal vento che li spettina ;)
Mi sono vagamente ispirata ai prodotti in commercio adattando la formula alle mie esigenze ma non temete, vi darò qualche consiglio anche per i capelli secchi o crespi molto diversi dai miei :)

Olio protettivo per i capelli fai da te

Dicaprylyl ether 50%
Olio di Cocco 25%
Olio di Macadamia 23%
Tocoferolo 2%
Estratto cO2 di carota qualche goccia (per colorare)
Fragranza (io adoro il Monoi in estate)

Come si prepara?

Unite gli ingredienti mescolando. Fatto!!! ;D

Info sugli ingredienti... 

Dicaprylyl ether: ho i capelli grassi quindi non uso leave in a base di oli sui capelli manco morta e preferisco preparare degli impacchi come la mia maschera alla Macadamia piuttosto che usare l'olio puro.
Per questo motivo volendo utilizzare un olio sui capelli durante i giorni al mare, ho unito un estere molto leggero agli oli vegetali, per alleggerire la miscela e lavarla via più facilmente dai capelli ed evitare che poi si appesantiscano.
Se avete i capelli normali o secchi, potete usare direttamente l'olio vegetale (io voto olio di cocco!).

Tocoferolo: ho aggiunto il Tocoferolo per proteggere maggiormente gli oli dall'ossidazione viste anche le alte temperature.

L'estratto di carota ha unicamente lo scopo di colorare l'olio di arancione (mi sembrava un colore più estivo) e quindi potete ometterlo se non lo avete.

...e consigli per proteggere i capelli al mare!

Che olio vegetale scegliere per il mio spray capelli protettivo?

Innanzitutto, vi invito a leggere un interessantissimo articolo per capire l'utilità degli oli vegetali sui capelli --> Oli vegetali nei capelli e come scegliergli in base alle vostre esigenze. 
In linea di massima a me piace il buon vecchio olio di cocco (o anche l'olio di Monoi già profumato!) che penetra molto bene nel capello rendendolo impermeabile all'umidità sul lungo periodo e con un uso costante.
Anche se probabilmente la scelta migliore è una una miscela di oli calibrata in base alle nostre esigenze (al link indicato troverete molti chiarimenti utili).

Come utilizzare l'olio sui capelli?

L'effetto benefico in ogni caso si ottiene con un utilizzo costante, possiamo iniziare a fare degli impacchi ben prima della vacanze  ;)
Inoltre, può avere senso applicarlo sui capelli umidi sia per far sì che l'olio risulti meno appiccicoso sia per fare in modo che scorra meglio sul capello (poi l'acqua evapora).

Che fare per proteggersi dal sole?

Nonostante vi siano in vendita degli oli contenenti filtri solari, sono convinta che il modo migliore per proteggere i capelli dal sole sia coprire la testa con un cappello :)


Spero che il mio olio protettivo per capelli vi sia piaciuto e che questo post vi sia stato utile, ero partita per scrivere un post veloce e poi mi sono persa in vari discorsi... spero interessanti per voi! :D

A presto e buon spignatto!

Patrizia 

3 commenti :

  1. Eccolooo....di sicuro lo replico perchè tra poche settimane il mare attende anche me!Lo consigli in flacone spray o potrebbe andare anche il dispenser con pompetta? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a pompetta, lo spruzzi sulle mani invece che direttamente sui capelli :)

      Elimina
  2. In plastic injection molding, we call it the usual plastic mildew body. With injection molding, granular plastic is fed by gravity from a hopper right into a heated barrel. As the granules are slowly pushed ahead by a screw-type plunger, the plastic is pressured right into a heated chamber referred to as the barrel where it's melted. As the plunger advances, the melted plastic is pressured by way of a nozzle that seats against the mildew sprue bushing, permitting it to enter the mildew cavity by way of a gate and runner Hand Warmers system. The mildew remains at a set temperature so the plastic can solidify almost as soon because the mildew is crammed.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, significa molto per il blog :)