11 giugno 2008

Crema viso antirughe all'acerola (per pelle mista)

Questa è la mia prima crema per il viso!
L'ho dovuta fare due volte perché la prima avevo lavorato a temperatura troppo bassa... eh vabbè, sbagliando s'impara.
E' una crema antirughe che avevo pensato per la pelle grassa di mia madre, ma per lei è troppo pesante e così la sto usando io sulla mia pelle mista e mi ci trovo bene: si assorbe in fretta e ne basta davvero poca, mi lascia la pelle morbida.




~ Ricetta per 100 grammi ~

FASE A (acqua)
Acqua 74
Glicerina 3
Gomma Xantana 0,5

FASE B (grassi)
Caprilico Caprico Trigliceride 1
Squalene 1
Burro di Karité 1
Burro di Cacao 1
Alcool Cetilico 2 (emulsionante idrofilo)
Metile Glucosio Sesquistearato 3 (emulsionante lipofilo)

FASE C (a freddo)
Vitamina E 2
Olio di Borragine 1 (si mette a freddo perché è termosensibile)
Olio di Rosa Mosqueta 1 (anch'esso termosensibile)
Pantenolo 1
Allantoina 0,5
Sodio ialuronato soluzione 2
Acerola 4
Potassio Sorbato + Sodio Benzoato soluzione 2,5
Oe di Arancio Dolce 6 gocce

Acido Lattico all'occorrenza



~ Procedimento ~

Fase A
Alla xantana aggiungete la glicerina, mescolate finché la gomma non si sia dispersa. Poi, aggiungere l'acqua a poco a poco continuando a mescolare.
Mettete da parte.
Fase B
Pesare assieme i grassi e gli emulsionanti e metteteli a scaldare a bagnomaria. Togliete dal fuoco quando anche cetilico e metile glucosio sesquistearato sono sciolti, dovrebbe raver raggiunto una temperatura di circa 70° (non è indispensabile avere il termometro adatto, ma se lo avete potete essere precisi).

Mentre i grassi sono a bagnomaria, potete scaldare l'acqua + xantana o in microonde o sempre a bagnomaria. Anche questo composto dovrebbe raggiungere i 70°, ma diciamo che deve essere caldo ma non bollire. Se ci sono grumetti, dovrebbero sciogliersi.

Ora, usando il minipimer (o la frusta che si usa per montare le uova) date un colpo di minipimer alla fase acquosa. Poi, versatene un po' nella fase grassa (per quest'ultima quindi, utilizzate un recipiente più grande) e date un "colpetto" di 2 o 3 secondi, quindi versate il resto e date un altro "colpetto". Non frullate troppo a lungo che rischiate di smontare tutto... quando si crea l'emulsione, ve ne accorgerete di sicuro (la cremina si sbianca ad esempio).
Adesso lasciate raffreddare, vedrete che la crema comincia ad addensarsi. Ogni tanto mescolate dolcemente.
Quando la crema ha raggiunto i 40° circa (insomma, quando toccando il vasetto e sentite che è tiepido) si possono aggiungere gli attivi, la profumazione e il conservante.

MIsurate il ph che dev'essere attorno al 5.5 poiché Potassio Sorbato e Sodio Benzoato conservano al meglio a questo ph. Per abbassarlo quindi, cominciamo con l'aggiungere una goccia di acido lattico finché si raggiunge il ph desiderato.

Consigli vari:

L'Allantoina: non versatela direttamente nel composto altrimenti dovrete mscolare da qui a Capodanno prima di scioglierla. Per facilitare lo scioglimento potete:
- o scioglierla in un po' di crema a parte che poi aggiungete di nuovo
- o scioglierla nella soluzione di sodio ialuronato e poi aggiungere tutto assieme alla crema.
L'Acerola: su Aroma Zone - i sito da cui l'ho acquistata - dicono di scioglierla nella fase acquosa, ma io l'ho aggiunta alla fine e si è sciolta comunque, è vero che ho dovuto mescolare qualche minuto ma ce la si può fare. E' questa polvere che ha dato quel bel colore rosa.



~ Gli attivi e gli oli "antirughe"~

Vitamine E: è un antiossidante che impedisce alla luce solare o allo smog di penetrare nella pelle dando vita ai radicali liberi.
Acerola: non avendo in casa alcuna forma di vitamica C anch'esso antiossidante, ho acquistato questa polvere di Acerola poiché ricca, appunto, di vitamina C.
E' una ciliegia delle Indie Occidentali.
Olio di Rosa Mosqueta e di Borragine: contengono Vitageno: qualche info qui.
Pantenolo: Lenitivo cicatrizzante che aiuta il rinnovamento della pelle.
Squalene vegetale: è l'insaponificabile da olivo. Emolliente, ammorbidente, protettettivo dalle aggressioni cutanee ed antinvecchiamento. E' contenuto anche nel burro di karité (al 20%).

Spero proprio di essere stata il più chiara possibile, ma soprattutto di non aver scritto "baggianate" (come diceva mia nonna).

16 commenti :

  1. Patty, tu si che sei una spignattatrice degna di questo nome! :)
    bella anche la boccettina :D

    RispondiElimina
  2. Grazie! Ma sono proprio agli inizi... prima di riuscire la crema ho dovuta rifarla due volte però xD

    La boccettina l'ho presa su Aroma-Zone, un po' costosetta ma ho le mani bucate ahimè! Anche se ho cominciato a chiedere alle amiche di darmi le loro confezioni vuote :P Devo risparmiare per comprare le materie prime :P

    RispondiElimina
  3. Ti capisco, sono una spendacciona anch'io!
    In questo momento devono arrivarmi ben 3 pacchi: solari e prodotti vari da Fitocose, linea bioeco di bottega Verde (potevo mica non provarla!), 2 fondi da Chrimaluxe...
    NO COMMENT!!! :(

    RispondiElimina
  4. Mi ispira un sacco questa cremina. Complimenti, sei proprio brava e pian piano mi sto leggendo tutte le tue ricette.
    Avrei due domande... Ma l'acerola tende a colorare la pelle, oppure la posso usare tranquillamente senza rischiare di ritrovarmi arancione come con l'urucum?
    Un'altra cosa: fa scia bianca avendo il cetilico?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  5. Complimenti bella crema mi ispira, però vorrei aumentare i grassi almeno al 15% che ne dici? Grazie sei bravissima ciao

    RispondiElimina
  6. va bene come crema da notte? E che differenza ci deve essere tra una crema antiage da giorno e una da notte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea di massima la crema notte può essere più nutriente di quella giorno (più ricca di grassi) ma per conto mio, è anche una trovata pubblicitaria... io non faccio questa distinzione, scelgo la crema da applicare in base a come sento la mia pelle.

      Elimina
  7. Bella!
    Anch'io utilizzo l'acerola di AZ.

    RispondiElimina
  8. Ciao, ho iniziato da un annetto a spignattare ma non mi sono mai cimentata in creme ma solo gel e tonici perchè sembrano più semplici. Ma ho preso l'acerola e volevo fare una crema viso e la tua capita proprio a pennello solo che non ho il/la Squalene e Potassio Sorbato + Sodio Benzoato soluzione. Posso omettere il primo e sostituire il secondo con del cosgard, cosa ne comporterebbe? Grazie mille, da oggi hai una nuova seguace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sostituisci pure con il Cosgard. Meglio evitare l'oe di arancio dolce con la bella stagione

      Elimina
    2. Abbassa anche la xantana a 0,4 :)

      Elimina
    3. Grazie mille! Scusa se ti chiedo ancora una cosa, io ho l'estratto secco di acerola, è quello che usi anche tu? Si scioglie bene nella crema? Grazie

      Elimina
  9. Perchè la mia è gialla non rosa...

    RispondiElimina
  10. Da qui posso solo immaginare che l'estratto non sia lo stesso.
    Sono anni che non uso più l'acerola perché preferisco la vit. c ma penso che se ho scritto che l'estratto colorava di rosa, fosse vero.
    Puoi sempre colorare la crema con del colorante rosso per dolci, 2-3 gocce da pipetta.

    RispondiElimina
  11. Ciao, è da poco che mi cimento con l'autocosmesi...c' è tanto da studiare e così tra uno studio e l'altro faccio anche qualche spignatto. Stracomplimenti per le tue ricette: sono veramente bellissime.
    Volevo farti due domande sulla vit C.
    Cosa usi nelle creme e in che percentuale?
    Io uso un siero con acido ascorbico al 14% , glicerina e acqua ( che tengo in frigo per 7 giorni) e cerco di non usare un detergente all'argilla prima del siero. Che ne pensi ? Inoltre non so quanto tempo deve trascorrere per mettere poi una crema e se devo lavarmi prima il viso con acqua.
    Grazie a auguri per tutto
    Antonella

    RispondiElimina
  12. Ciao! Ho seguito la tua ricetta adattandola a ciò che avevo:
    ho usato l'Olivem 1000 al posto del Metile Glucosio Sesquistearato, in quantità 5 gr perchè pensavo "prendesse il posto" anche dell'Alcool Cetilico.
    Non ha andata cosi, finchè il preparato era a bagnomaria tutto bene, poi si sono riformate le scagliette.
    In preda al panico ho riscaldato ancora tutto e aggiunto l'Alcool cetilico, ha funzionato alla grande!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, significa molto per il blog :)