17 aprile 2014

Ho visto cose che voi umani...

Oggi si parla di: cattiva informazione in fatto di spignatto o cosmesi fai da te.
Preparatevi ad un post lungo, forse pesante e anche un po' polemico :)

Da quando mi sono interessata alla cosmesi fai da te nel 2007 iniziando a seguire il forum di Lola, le informazioni e le possibilità di creare cosmetici in casa sono aumentate in modo esponenziale, all'epoca io ero totalmente affascinata da una crema fatta da olio, acqua, emulsionante e non c'erano quasi informazioni su come creare un detergente che fosse sufficientemente denso ma ecobio e tutto era una scoperta dietro l'altra. 
Dopo circa 6 anni, siti, blog, forum e canali Youtube sullo spignatto sono nati come funghi e sembra essere quindi alla portata di tutti. 
Ho scritto sembra non a caso, perché l'idea di spignattarsi i cosmetici è molto affascinante ed entusiasmante ma, anche se mi dispiace dirlo, non è alla portata di tutti.
O meglio, può diventarlo solo se si è consapevoli che prima ci dev'essere un periodo di studio e preparazione.
Trovo totalmente insensato affannarsi a cercare informazioni su internet per ore, chiedere sui vari forum quale sia la crema migliore, provare mille prodotti in profumeria per ottenere i risultati migliori per poi ridursi all'idea di voler creare i propri cosmetici da soli in quattro e quattr'otto.
Anche se c'è chi vuole far passare l'idea che è facilissimo, l'errore è dietro l'angolo e a pagarne le conseguenze può essere la nostra pelle. Ripeto, non ha senso farsi del male con le proprie mani anche se dietro vi possono essere le migliori intenzioni.
Decidiamo di non usare più prodotti contenenti peg o siliconi e ci buttiamo a capofitto su formulazioni delle quali capiamo poco... non mi sembra assolutamente sensato. 

Di recente, sono capitata su una pagina Facebook che ormai conoscerete anche voi (Il Peggio dello Spignatto). Nella peggiore delle ipotesi, possiamo pensare che agli admin piaccia cogliere in fallo o sfottere gratuitamente le spignattatrici più incaute ma resta il fatto che quella pagina è la prova lampante che la disinformazione è tanta.
Se perdiamo del tempo e ci metteremo a fare qualche ricerca, scopriremo interi siti/blog/canali YT che propongono formule (dalle più semplici alla più complesse) completamente assurde semplicemente per cavalcare l'onda della cosmesi fai da te che ormai è diventata una moda. 
Ma spignattare non è un hobby come può esserlo infilare le perline, che certo richiede tempo e studio, ma la cosa peggiore che può succederti è che la collana ti venga storta. 

Molto spesso manca totalmente, in chi si appresta a fornire formule o consigli, il senso di responsabilità di quello che si va dicendo in merito allo spignatto. 
Chi scrive (o fa il video) infatti  non si rende conto di come chi lo segue possa accogliere quell'informazione né se ne preoccupa. 
Certamente non si è responsabile di quello che la gente può capire ma ho visto articoli sui mille usi dell'olio essenziale di cannella con una piccola nota in cui si dice che può (può??!!) dare irritazione o consigliare l'uso del succo di limone in una maschera viso contro l'acne per ottenere la pelle liscia come quella di una foto di una modella - evidentemente modificata con photoshop - senza preoccuparsi di dare qualche precauzione (se lo usassi io sulla mia pelle, diventerei rossa come un pomodoro ma tutti i lettori hanno la mia stessa consapevolezza? Per esempio l'adolescente che per eliminare l'acne si spalmerebbe di tutto e di più? Sottolineando il fatto che l'acne non si cura con una maschera casalinga).
Poi ho visto anche un video in cui si consigliava l'uso della niacinamide a pH 4,5 e non accettare minimamente nessuna correzione quando si è fatto notare che almeno un pH 5 sarebbe stato più sicuro (volendo tralasciare altri errori nella formula proposta).

Vi prego quindi di fare attenzione sempre a quello che vi viene proposto e diffidate da:
- chi vi propone l'uso indiscriminato degli oli essenziali: sono particolarmente potenti poiché contengono grandi quantità di principi attivi, solventi, sono spesso irritanti e fototossici e quindi bisogna conoscerli e saperli usare. Non è vero che siccome naturali, sono anche innocui!
- chi vi spaccia formule a base di acidi promuovendole come facilissime da realizzare senza darvi alcuna indicazione sulle precauzioni da adottare né nella formulazione né nell'utilizzo del prodotto.
A parte che il concetto di facile è relativo, ma semplicemente la parola ACIDO dovrebbe mettere il dubbio che non si sta maneggiando qualcosa di totalmente innocuo, che se - esempio a caso - può essere relativamente facile creare un gel al salicilico non è detto che poi la nostra pelle lo gradisca come noi l'abbiamo formulato. E abbiamo tenuto in conto delle interazioni con altri ingredienti? Le dosi proposte sono corrette?
- chi sostiene che naturale è sempre meglio che di sintesi: ormai è un luogo comune.
Se mi propini una miscela di oli vegetali con oli essenziali messi a casaccio, il concetto di naturale=buono va tranquillamente a farsi friggere.
- chi sostiene che qualsiasi crema formulata in casa sia sempre meglio di una comprata: può essere vero se sai formulare :)  Può sembrare una banalità ma avrete capito leggendo che non è da dare per scontato.
- chi organizza corsi senza chiarire quali siano le proprie competenze: non potevo crederci ma ci sono persone che, fiutato l'affare, si improvvisano a tenere corsi di cosmesi fai da te, poi è sufficiente fare due ricerche in internet e cade il palco.
- chi promette miracoli: questo non vale solo nella cosmesi ;)
- e infine, chi diffonde l'idea che spignattare è facilissimo: mi dispiace ma come ho già detto non lo è e non c'è una via facile per produrre spignatti strepitosi: bisogna perdere tempo e studiare.
Certamente si può sempre prendere per oro colato quello che viene trasmesso dalla prima guru della cosmesi che passa che, con il suo sorrisone, vi proporrà esattamente quello che vuole e che si può prendere per buono affidandoci a lei.
Ma non riesco a trovarla una scelta vincente, mi spiace.

Di fronte a questo approccio, se permettete, resto a bocca aperta e mi indigno non poco. 
Chi si espone consigliando questo o quello spignatto, come la sottoscritta, a mio avviso, deve fare di tutto per dare informazioni chiare e precise e dietro a tutto questo c'è tempo e studio. 
Inoltre, lo spignatto è in continua evoluzione, si ricevono sempre nuove informazioni ed è bene aggiornarsi (per questo spesso correggo le mie vecchie ricette).
Non ho alcuna intenzione di farmi una sviolinata né vantare maggiore bravura ma so di essere onesta con i miei lettori proponendo il meglio che sono in grado, che ritengo condivisibile e soprattutto sono aperta a correzioni e consigli.

Da parte vostra però, chiedo semplicemente un alto senso critico: non prendete per oro colato quello che leggete da me o da chicchessia.
Nel momento in cui vi fidate, gli state affidando la cura della vostra pelle.
Vi pare poco?
Direi di no.
Per come la vedo io, è più saggio frenare l'entusiasmo iniziale e fermarsi a pensare se si ha voglia di avventurarsi nel magico mondo dello spignatto.
Non è necessario essere dei geni della chimica né saper fare astronomici calcoli matematici per riuscire ma prendersi il tempo e cercare la voglia di applicarsi assolutamente sì.
Ma non prendiamoci in giro, bisogna almeno conoscere la differenza tra acido/basico, saper calcolare le percentuali, le proporzioni e così via... un po' di basi sono necessarie ma per quello c'è sempre San Google che ci darà le risposte (si tratta di informazioni che fanno parte del nostro bagaglio personale).
Se vi sembra tutto così complicato, lo è! Semplicemente perché non è facile avvicinarsi ad una materia nuova ma una volta dentro ci si può sguazzare, è la scorciatoia che alla lunga non paga.
Non approvo chi vuole insegnare semplificando al massimo soprattutto trascurando indicazioni importantissime.
E' necessaria infatti molta consapevolezza per sapere esattamente cosa stiamo facendo con quello che abbiamo per le mani dalle caratteristiche delle materie prime, le loro dosi, le interazioni, le reazioni, le incompatibilità tra le sostanze, come vanno conservate e come maneggiate, gli attrezzi più idonei, la pulizia, ecc.
Non è facile imparare tutto questo? No ma s'ha da fare! Per poter dire: "So quello che faccio".
Quindi parola d'ordine: studio! ^_^
Altrimenti si può sempre decidere di fare un passo indietro.

Naturalmente questo papiro rappresenta semplicemente il mio punto di vista nell'approccio allo spignatto in modo, a mio avviso, serio.
Sarò stata un po' pedante, polemica, ripetitiva ma ci tenevo a dire tutto.
Ognuno ha la facoltà di decidere a chi affidarsi, sapete che io ho sempre seguito l'Angolo di Lola e sono convinta non ci sia luogo più serio nel web italiano dove l'argomento venga trattato meglio (a fronte di qualche sorrisone ruffiano in meno) e lo ritengo una garanzia, un posto virtuale dove si confrontano comuni mortali ed esperti con un continuo scambio di informazioni verificate.
Meglio ancora, possiamo decidere di approfondire personalmente ma affidarsi al primo che capita è la via più facile per... finire in un vicolo cieco.
Credete a me! Che in questi anni ho visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare ;D

A presto,


20 commenti :

  1. hai presente quei pupazzini che fanno si si con la testa in moto perpetuo? ecco, io ero così mentre leggevo il tuo post! sono d'accordo su ogni parola, e aggiungo desolazione a desolazione: gente che butta una manciata di attivi a caso senza sapere che sono, cosa fanno e se interagiscono o meno fra loro!
    alla fine, anche se da Lola mi cazziano spesso, anche se sono finita sulla pagina del peggio dello spignatto per una domanda posta effettivamente male, anche se di strada da fare ce n'è tanta, continuo a studiare e a mettermi alla prova

    RispondiElimina
  2. Leggo questo blog da tanto ma in effetti è la prima volta che commento. Mi trovi assolutamente d'accordo con te. E' già da un po' di tempo che mi piace dilettarmi nella cosmetica autoprodotta ma, non presto molta attenzione a certe guru del web, che tuttavia hanno fior di seguaci che le idolatrano in tutto e per tutto. Mio marito è un chimico, che rabbrividisce quando sente certe cose, sopratutto quando mi è capitato di mostrargli alcune ricette di intrugli pescate su Youtube. Inutile riportare i commenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Non oso immaginare le risate degli esperti di fronte alle nostre creazioni ;)

      Elimina
    2. Noi capiamo molto bene suo marito, signora Silvia ;-)

      Elimina
  3. Grazie, da spignattatrice hai espresso bene e in modo preciso le cose davvero importanti!!

    RispondiElimina
  4. Ciao! concordo a pieno! http://cocamideva-and-julypeg.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Ovviamente condivido tutto.
    E chi consiglia a caso l'uso di acidi? O_O Mi ero preparata un post sul salicilico, che mai posterò, non so neanche come mi sia passata per la mente l'idea di farlo.. A prescindere dai casi umani che citi, penso che a volte non ci si renda proprio conto che chi arriva al blog possa non avere le stesse competenze di chi pubblica.
    Un conto è scrivere sull'angolo di lola, un altro è presentare un prodotto esfoliante sul sito x senza mettere in conto che prima o poi arriverà qualcuno che si è fatto male.

    RispondiElimina
  6. Si, bisogna sempre pensare al tipo di pubblico che potrà leggere il tuo blog. Con questo non voglio dire che ci siano argomenti tabù però per mia scelta preferisco non trattarli perché trovo ci sia maggiore rischio che chi mi segua si faccia male, anche e soprattutto perché - per quanto mi impegni - potrei sbagliare in quello che scrivo, in fin dei conti sono solo una spignattatrice. ;)
    Poi come dicevo nel post, anche il lettore deve fare la sua parte.

    RispondiElimina
  7. Ciao Patty. io a dire il vero non ti seguo molto. sono capitata qui per caso questa mattina cercando informazioni precise sui tensioattivi (che non ho trovato per altro! ajaja) studio cosmetologia da un annetto buono. come tutti quelli che masticano pane ed emulsioni si capita sul forum di lola che all'inizio sembra un po ostrogoto ( meno male che adesso sono state aggiunti alcuni topic per neofiti che rendono tutto piu semplice)... ma poi con la volontá di imparare qualcosa o anche semplicemente di capirci un po di piu di quello che succede alla nostra pelle, diventa un piccolo forum vademecum.
    sono d'accordissimo con te sul fatto che i blogger, in questo caso, debbano dare informazioni quanto piu' sicure possibili, ma va anche detto che davvero ogni testa è un piccolo mondo. sará che io anche sono abbastanza polemica se mi ci metto ed è per questo che mi sarebbe sembrato piu corretto che avessi indicato nel tuo post i siti, i blog, o i video influencer di youtube che secondo te danno informazioni fuorvianti....cosi che i tuoi lettori avrebbero potuto realmenete capire a cosa ti riferisci e dare la loro opinione.
    per come la vedo io che sono una perfezionista totale che ama la informazione corretta e che prima di cimentarsi nelle cose studia e studia e studia... l'unico modo per imparare a 'spignattare' è davvero mettersi di buona lena e provare... e se anche uno non è in grado di formulare un cosmetico ad hoc, sicuro che male non gli fa. forse perche voglio credere che le persone abbiano una coscienza che funziona e che nessuno mai inizierá a spignattare con acidi...( che poi vogliamo farci un tonico all acido citrico - vitamina c, che male vuoi che faccia? nessuno perche tanto se non lo usi stabilizzato dopo tre gg non potrai piu utilizzarlo).
    io credo fortemente che la giusta informazione ahimé non esista davvero.
    dipende sempre da quello che uno cerca, da dove e cosa è disposto ad imparare... spignattare è un'arte che ha i suoi fondamenti in piu 'scienze' diverse che si uniscono per celebrare all'unisono la gioia della nostra pelle. :-)
    se ci sono persone che usano a sproposito attivi sulla propria pelle perche non si sono informate abbastanza... beh la colpa è prima di tutto di loro stesse. e dovesse uscirgli quale irritazione... se la sono meritata, e se hanno testa che funziona probabilmente ne trarranno insegnamento per i loro futuri spignatti.
    e anche nel forum di lola ( di cui mi pare tu sia moderatrice) viene detto molte volte che nessuno è mai morto per uno spignatto sbagliato.
    concludendo: dimmi dove ti informi e ti diró chi sei.
    ognuno è responsabile di quello che fa e di come lo fa.
    informazione corretta quanto piu possibile ma magari senza evitare di fare terrorismo gratuito :-)
    buona giornata!
    manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi voluto fare terrorismo avrei detto che spignattare è pericoloso :)
      Frequento il forum di Lola da anni e ho visto persone ustionarsi con la vit. C... quindi la prudenza ci vuole sempre.
      Chiaro che chi è causa del suo mal pianga se stesso ma se anche chi vorrebbe fare divulgazione spara cazzate, a me continua a dare fastidio.

      Elimina
  8. Abbiamo letto con molto interesse questo post, e non possiamo che esprimere tutta la nostra approvazione.

    RispondiElimina
  9. Ciao Patty.
    Volevo ringraziarti per questo tuo post. Spero ce ne siano sempre di più di questi inviti alla prudenza. E ti spiego il perché. Io sono laureata in chimica e lavoro nella ricerca, quindi smanetto in laboratorio ormai quotidianamente da più di 10 anni. Fatta questa premessa, ti dico che, quando sono in casa e cerco di dilettarmi a “spignattare”, onestamente mi sento ancora una pivella. Forse proprio perché, avendo studiato a fondo la chimica, so quanto sia meravigliosa ma, allo stesso tempo, pericolosa. E mi sconvolge sempre leggere commenti di bimbette di 11 anni o poco più che, anziché giocare con le bambole, già spignattano. Guarda, forse proprio perché sono ben consapevole che, se nella mia adolescenza ci fosse stata questa moda qui, io sarei stata la prima a seguirla (non a caso poi sono diventata quel che sono!), mi sento di dire che questo non è assolutamente un gioco. Ma temo che le mie e le tue parole resteranno inascoltate. Come ben dici tu, serve lo studio. Ed io mi sento di aggiungere, avendo studiato tanto (non parlo di autoproduzione cosmetica… che è carina e divertente da studiare, ma di chimica in tutte le salse, che di divertente a volte ha ben poco!!!), che oltre lo studio serve anche una certa maturità e molta molta cautela. Grazie di avermi dato con questo tuo post la possibilità di esprimere il mio parere e complimenti per quello che fai. Un bacione, Stefania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la tua testimonianza Stefania :)

      Elimina
  10. Ciao Patty, sono giorni che cerco di scrivere un commento a questo post e non trovo mai il tempo e la concentrazione... mi verrà fuori un papiro... gh!!

    Per chi ha iniziato da tanto tempo come te, Patty, penso che il forum di Lola come unico riferimento andasse benissimo: si cercava di imparare e andare avanti partendo da cose semplici, ma per chi arriva adesso e vuole iniziare ad imparare invece le cose sono molto più difficili, perché purtroppo sul forum sono molte più le cose che non si capiscono piuttosto che quelle che si capiscono : )

    Non è una critica: è un fatto... io ormai mi faccio i cosmetici da 4 anni e inizio appena a capire qualcosa... hhh... eppure quando mi trovo in altri contesti mi sento anche abbastanza preparata, eh! Spesso mi scrivono ragazze che mi chiedono info e - incredibile! - "so rispondere!!!"
    invece sul forum di Lola sono ancora una "pivellina"... hhh... a parte i miei messaggi all'attivo che sono pochi e assurdi, ma lo sono veramente !!!

    Penso sia questa la ragione per la quale i video riscuotono tanto successo, anch'io come molte ho fatto un percorso un po' tortuoso: mi sono iscritta sul forum di Lola, ho iniziato a fare le mie domandine assurde qua e là e ho passato giorni e giorni a studiarmi topic su argomenti vari, fino a quando non ho scoperto i video ed ho iniziato a "riprodurre"e addirittura a fare anche - da subito - le mie sostituzioni, perchè ho sempre studiato per capire, mai per improvvisare senza consapevolezza e coscienza...
    Se contemporaneamente - mentre impari dai video - continui la tua ricerca ti accorgi che ovviamente in questi video c'è tanto marketing e poca sostanza... ma d'altra parte sono fatti per questo.
    D'altra parte ci sono siti quotatissimi e molto seguiti con ricette di cosmesi fai da te a dir poco assurde... Nessuno dice niente su questo... sembra normale!
    Il problema dei gestori di questi "brand" è la capacità di ascoltare le critiche, imparare ancora anche se si è seguitissimi, ascoltare i consigli e fare autocritica e revisione periodica. Certo, modificare un video ( o 400) non è come modificare la ricetta in un post, però è possibile scrivere postille, cancellare e informare... tutto diventerà più caotico, certo... e magari non si potrà "produrre" così tanto, però penso che tornare sui propri passi sia l'unico mezzo che abbiamo per andare davvero avanti, con coscienza e serietà.
    Per questo ammiro chi, come te, ha il coraggio di rimettersi in discussione e l'umiltà di continuare a chiedere agli utenti di essere corretta per ogni eventuale errore, nonostante gli anni di militanza e la preparazione.
    E sono davvero contenta che hai ricominciato a postare con una certa frequenza.
    Anche consultare le tue ricette, in questi anni, mi è servito molto.
    Spero che tu possa continuare alla grande : )

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      intanto ti ringrazio per aver contribuito alla discussione :)

      Guarda, capisco benissimo che i video siano più immediati del forum così come lo è un libro con le figure piuttosto che uno scritto fitto fitto :D
      E non è mia intenzione demonizzare i video e chi li fa, non voglio generalizzare.
      Ma da un lato vedo per lo più tanto pressapochismo per accalappiare visualizzazioni, dall'altro utenti che alla guru di turno credono ciecamente.
      Sarà pure il meccanismo di youtube ma... che tristezza.
      Non capisco perché la guru non possa ammettere gli errori (e non mi riferisco solo alla più conosciuta) o anzi, documentarsi prima invece di commetterli che mi sembrerebbe più logico.
      Come non capisco dall'altro lato l'incapacità di accettare che sì, le "guru" sbagliano... sarebbe la caduta del mito forse... doppia tristezza.

      Anch'io probabilmente uscendo dal forum di Lola posso sentirmi un po' più esperta della media ma perché tutti i siti/forum/video che parlano di spignatto non possono prescindere dal forum di Lola, mi pare chiaro.
      Lo spignattamento è lì che si è evoluto e anche se la moderazione può non stare simpatica, non si può evitare di andare a dare una sbirciatina. ;)
      Comunque ci sono spignattatori che sono arrivati sul forum molto dopo di me e sono bravi il doppio :D quindi imparare è possibile ;)

      Personalmente le conto sulle dita di una mano le youtuber e blogger che mi ispirano fiducia... tripla tristezza!!! xD
      E sì, hai ragione, ci sono molti siti che propongono formule e ricette da piangere... per quello dico che solo con la conoscenza - che richiede tempo e studio - ci si può difendere ;)

      Elimina
    2. Hai ragione per molti aspetti, ma forse il primo principio da seguire è quello di non fidarsi mai ciecamente di nessuno e di valutare tutto con una base appropriata di conoscenze. In questo internet ci viene incontro, perchè la bontà di una affermazione (e di una formula cosmetica) la si può desumere mettendo in comparazione molte fonti diverse. Lo stesso errore però lo si commette anche indicando forum, come quello di Lola, come il luogo di conoscenza assoluto per lo spignatto: è un forum molto utile, molto approfondito, di norma molto serio, ma la regola d'oro di non fidarsi di nessun Guru dello Spignatto vale anche per quello. Ho letto su quel forum cose molto utili e interessanti, ma anche affermazioni del tutto poco condivisibili, come il fatto che gli oli essenziali siano inefficaci in cosmetica (parole della Guru!). La simpatia della moderazione, poi, può sembrare una questione secondaria rispetto alla bontà dell'informazione, però in rete è fondamentale. La rete diventa il luogo di condivisione della conoscenza, e per esser tale ci deve poter esser confronto, e questo diventa difficile quando il luogo in cui lo cerchi ti risulta ostile. Francamente, a noi utenti di quanto sia brava Lola a fare cosmetici, ce ne importa poco. Ci importa semmai il poter imparare nozioni e per questo serve anche confronto con domande dirette e risposte cortesi. Se le risposte sono sempre sgarbate, il confronto spesso lo si evita. Per qualcuno che utilizza la rete mediante un forum, è una cosa molto grave non esser ben predisposti verso l'utente. Forse, allora, chi non è ben predisposto, dovrebbe utilizzare altri mezzi, come scrivere un libro, per fare un esempio.
      Il solo unico grande Guru, in rete, alla fine è la stessa rete, che ti permette di accedere e confrontare svariate informazioni. Per questo, secondo me, ha poco senso anche criticare chi si ritiene che non sia in grado di dare informazioni, perchè la colpa è semmai di chi non approfondisce.
      Un saluto!

      Elimina
    3. Ciao Dario,

      in questo blog non credo di aver mai definito una guru Lola, mi sembrava ben chiaro dal mio post che disprezzo il culto della persona fine a se stesso.
      Semplicemente ritengo che in quel forum sia nato lo spignatto in Italia e sia trattato il più seriamente possibile, ho conosciuto Lola personalmente e posso solo parlarne bene, tutto è meno che una guru.
      Mi piace parlare con cognizione di causa.
      Poi che a te non stia simpatica e non concordi su alcune affermazioni è un altro paio di maniche, pazienza.
      In realtà a me non interessa parlare di guru, il mio solo e unico grande Guru è il mio cervello :) la rete è un mezzo, di cui posso scegliere che utilizzo farne.

      Elimina

Grazie per il tuo commento, significa molto per il blog :)