20 gennaio 2016

Gel contro le impurità all'acido salicilico fai da te

Salve ragazze e ragazzi!

Oggi ho pensato alle pelli impure proponendovi un gel a base di acido salicilico
Non sono mai stata sicura di voler condividere formule di cosmetici a base di acidi ma  mi piacerebbe dare il mio contributo in modo serio chiedendovi comunque di fare sempre attenzione quando spignattate prodotti esfolianti e, soprattutto se siete alle prime armi, mettete da parte l'idea per il momento e aspettate di aver maturato un po' di esperienza. ;) 


Gel contro le impurità
all'acido salicilico

Acqua a 100%
Trimetilglicina 2
Gomma xantana trasparente 0,4
Glicerina 3
Acido Salicilico 2
Alcohol buongusto 5
Pantenolo 2
Algo Zinc 5
Cosgard 0,6


Preparazione

1 - Iniziate a preparare il gel a base di xantana:
  • in un becher disperdete la xantana nella glicerina,
  • scaldate poi l'acqua al microonde alla massima velocità per 30 secondi,
  • versateci sopra la Trimetilglicina e fatela sciogliere,
  • versate l'acqua a filo sopra la xantana mescolando continuamente finché non si forma il gel,
  • frullate per eliminare eventuali grumi,
  • lasciate il becher momentaneamente da parte.
2 - Sciogliete l'acido salicilico nell'alcohol buongusto, mescolate fino a trasparenza. Si formeranno dei residui sulle pareti del contenitore, è normalissimo e fate attenzione a non rovesciare il contenuto :D

3 - Unite l'acido salicilico disciolto nell'alcohol al gel di xantana: il gel sbiancherà e cambierà aspetto e voi date una bella frullata.

4 - Misurate il pH che dovrebbe essere sul 2 e portatelo a pH 4 con la soluzione di soda caustica.

5 - Aggiungete Pantenolo, Algo Zinc e Cosgard e ricontrollate il pH per sicurezza.

6 - Due gocce di fragranza e due microgocce di coloranti idrosolubili blu  e giallo.

7 - Il gel spazza brufoli è pronto!! :D


Tutto quello che c'è da sapere su questa formula

Innanzitutto, l'acido salicilico è un forte esfoliante e irritante, va utilizzato massimo al 2% e con una certa cautela. Si usa in caso di pelle impura intesa con brufoli: esfolia ed è anche antibatterico.
Personalmente lo uso solo sui brufoli quando questi spuntano (che a 32 anni ancora si fanno vivi in corrispondenza del ciclo sigh!) e già dal primo utilizzo, cominciano ad asciugarsi. 
Non lo uso su tutto il viso dal momento che ho una pelle delicata con couperose e in questi casi gli acidi sono decisamente sconsigliati (e anzi, bisogna lenire e utilizzare creme leggere non unte).
Se decidete di applicarlo su tutto il viso per tenere a bada l'acne, vi raccomando di non prendere il sole durante il periodo di utilizzo perché, in quanto esfoliante, il salicilico assottiglia la pelle e a contatto con i raggi solari, questa si trova "impreparata" a difendersi dagli UV. Utilizzate in ogni caso una protezione solare sia che lo utilizziate di giorno che di sera.
Non posso fare a meno di linkarvi il topic relativo sul forum di Lola per approfondire la conoscenza di questo acido.

Ho pensato di aggiungere la Trimetilglicina (altresì detta betaina anidra) che è idratante e che dovrebbe tamponare l'aggressività degli acidi nonché aiutare a solubilizzare l'acido salicilico.
Il Pantenolo idratante e lenitivo non poteva che starci bene :D 
L'Algo Zinc di Aroma Zone (che trovate descritto QUI) per completare l'azione antibatterica e seboregolatrice.
Infine, ho visto delle formule in cui viene inserito anche l'Aloe ma non lo userei visto che mi irrita la pelle anche usato da solo; non farei nemmeno mischioni con altri acidi o attivi esfolianti. 

Trattandosi di un gel esfoliante, potrebbe pizzicare un pochino - in maniera sopportabile - appena applicato e soprattutto al primo utilizzo, ci può stare ma se il fastidio persiste e il viso si arrossa, questo prodotto non fa per voi e quindi sciacquatelo via dal viso. Nel dubbio, potrebbe essere cosa giusta e saggia diminuire la percentuale di acido salicilico. 


Se preferite spignattare un gel per pelle grassa senza ricorrere all'acido salicilico, vi consiglio il mio gel per pelle grassa a base di azeloglicina e niacinamide. 
Per la pulizia del viso, vi propongo il mio Diavoli a Fior di pelle o Erbalibera ispirati ai prodotti Lush e non può mancare una maschera viso a base di argilla

Prima di chiudere il post, tengo a sottolineare di nuovo che prima di mettersi a spignattare con gli acidi è necessaria esperienza nella cosmesi casalinga nonché conoscere bene la propria pelle, cosa ama e cosa non sopporta (come se fosse viva e potesse parlarci ;)), non sognatevi di utilizzare gli acidi perché volete una pelle liscia, non pensate di farvi peeling in casa o maschere esfolianti e in caso di macchie cutanee rivolgetevi ad un dermatologo. Insomma, da me non sentirete mai consigliare l'utilizzo di acidi a cuor leggero per quanto spignattare un gel non sia così complicato però ho visto - a mio parere - un po' troppo leggerezza nel consigliare questo tipo di prodotto che mi andava di dire la mia con uno spignatto.
Voi come sempre informatevi da più parti e poi tirate le vostre conclusioni ;)
Queste sono le mie :D 

Spero di esservi stata utile, fatemi sapere come vi sembra questo gel per pelle impura e se pensate ci sia altro da aggiungere sull'argomento.

A presto!

Patrizia

11 commenti :

  1. Complimenti per le raccomandazioni Patty!! Io faccio parte delle inesperte, quindi non proverò nemmeno a fare questo spignatto, ma hai fatto bene a sottolineare la "pericolosità" degli acidi!! Grazie, corro a leggermi la ricetta dell'altro gel ;)

    RispondiElimina
  2. Patty bella ricetta e come sempre ottime spiegazioni! Lo farei ma mi mancano la betaina anidra e l'algo zinc. Mannagg

    RispondiElimina
  3. Ciao Patrizia,
    settimana scorsa mi sono cimentata anch'io in un gel con acido salicilico. Il mio però non voleva essere un gel contro i brufoli ma semplicemente un gel anti-age con in più una leggera azione esfoliante.
    Volevo avere un tuo parere.
    In pratica ho aggiunto ad una base di gel di acido ialuronico e gel d'aloe, dell'acido salicilico (io all'1% però) che anch'io ho sciolto in alcool (3%); poi ho aggiunto dell'estratto di vite rossa, l'attivo di Aroma-Zone Algo'boost jeunesse e solo un grammo di olio di ribes nero che ho emulsionato bene con uno spumalatte, giusto per dargli una consistenza un pochino più ricca. Va bhe il conservante non te lo sto neanche a dire.
    Cosa ne pensi? Campato per aria o ha un suo perchè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossana,
      di solito il salicilico si usa più per pelli con brufoli/acne perché è anche antibatterico.
      Come anti-age secondo me sarebbe stato meglio il glicolico che è anche idratante.
      Lo jaluronico: mi sembrava di aver letto che si potrebbe depolimerizzare e quindi perdere efficacia, prova a informarti.
      L'aloe non mi piace molto in generale... lo trovo inutile e irritante ma questo è un mio parere ;)
      Se l'olio riaffiorerà, basterà dare una mescolata ;)
      L'importante secondo me è non esagerare con le profumazioni (oe o fragranze) in questo tipo di formulazioni.
      Questo è tutto :)

      Elimina
    2. Grazie mille per tutti i consigli.
      Quando parli di depolimerizzazione dell'acido jaluronico, ne parli in merito al fatto che sia stato abbinato all'acido salicilico? Giusto?

      Elimina
  4. ... ah, dimenticavo, ci ho messo anche qualche goccia di olio essenziale di camomilla, ma quello forse, come dice Lola, fa poesia ... :D

    RispondiElimina
  5. Ciao patty,
    grazie per la tua ricetta e bellissimo blog, complimenti.
    Volevo chiederti se potessi sostituire la Trimetilglicina con altro pantenolo sempre con la stessa dose della trimetilglicina e l'algo zinc con la niacinamide, e se sì, in quale dose. Attendo una tua risposta, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      Grazie per i complimenti :)
      la Trimetilglicina puoi ometterla mentre la Niacinamide non va bene perché va usata da pH 5 a 7 e questo gel deve stare a 4.

      Elimina

Grazie per il tuo commento, significa molto per il blog :)